Anticipi Pac agricoltura nel decreto Sostegni Bis, aiuti per agricoltori e pescatori

Anche il settore dell’agricoltura è entrato nel pacchetto delle misure che il decreto Sostegni ha previsto per contrastare l’emergenza economica di questi mesi.
contributi pac agricoltura

Un settore spesso dimenticato ma che è trainante in diverse Regioni d’Italia, adesso ha avuto il suo giusto pacchetto di misure nel nuovo decreto del governo Draghi. Naturalmente parliamo del decreto Sostegni Bis, ennesimo decreto emergenziale finanziato con un nuovo scostamento del Bilancio dello Stato e che servirà a dare ossigeno all’economia di imprese, famiglie e lavoratori in crisi per i risvolti che la pandemia ha avuto sui tessuti economici e sociali nell’ultimo anno e mezzo.

Nel decreto Sostegni Bis infatti, escono fuori l’esonero dei contributi per gli iscritti al fondo lavoratori agricoli, mezzadri e coloni, la compensazione dell’IVA, aiuti al settore agrituristico, ai produttori di vino ed anche un anticipo Pac.

Una serie di interventi per l’agricoltura nel decreto Sostegni Bis

È la prima volta che in un decreto di questo tipo entra un autentico pacchetto di misure destinato all’agricoltura. Con questo atto il governo punta a garantire maggiore liquidità alle aziende agricole.

SI parte da sconti fiscali per esempio, per gli allevatori di bovini e suini. Infatti si pensa ad aumentare le aliquote di compensazione dell’IVA. Ma non mancano anche sgravi contributivi. Infatti ciò che inizialmente sembrava dovesse essere previsto  per le filiere del settore agrituristico, vitivinicolo e della birra, cioè l’esonero contributivo, viene allargato anche agli imprenditori agricoli professionali, coltivatori diretti, mezzadri e coloni. Nello specifico lo sgravio è quello per i versamenti dovuti per il mese di febbraio scorso.

Tornando all’IVA, le aliquote salgono al 9.50% per quanto concerne la compensazione dell’imposta sulla cessione di bovini e suini.

Per sostenere la aziende del settore bieticolo saccarifero, gravemente vessate dall’emergenza COvid-19, si destinano 25 milioni di euro da destinare agli imprenditori come aiuto per ettaro di terreno coltivato a barbabietola da zucchero.

Agricoltura, capitolo Pac

Probabilmente la cosa che più interessa il settore e gli imprenditori, piccoli e grandi è la Politica agricola comune, i cosiddetti aiuti Pac. La stragrande maggioranza delle aziende agricole conta ogni anno sui contributi Pac, vera fonte di sostentamento del settore e, specie negli anni di magra, autentica scialuppa di salvataggio di moltissime aziende.

Il decreto Sostegni Bis prevede una anticipazione dei contributi Pac in modo tale da garantire nell’immediato l’iniezione di liquidità di cui molte aziende del settore necessitano. Al riguardo va ricordato che la modifica al Quadro temporaneo è stata posticipata al 31 dicembre prossimo .

Un occhio di riguardo il decreto Sostegni Bis l’ha riservato pure per le imprenditrici del settore. Mutui agevolati per gli investimenti a tasso zero e contributo a fondo perduto fino al 35% della spesa ammissibile per le donne imprenditrici del settore a prescindere dalla loro età.

Anche i lavoratori dipendenti del settore finiscono nel contenitore di misure che è il decreto Sostegni Bis. Viene prevista infatti una indennità una tantum di 800 euro agli operai agricoli a tempo determinato che hanno prestato attività lavorativa per almeno 50 giornate nel 2020. Va ricordato che tale misura riguarda anche gli addetti agli agriturismo, che sono equiparati ai lavoratori agricoli.

Per i pescatori invece, ecco un’indennità di 950 euro per il mese di maggio 2021 (anche ad autonomi e soci di cooperative).

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
0
Shares
Potrebbe interessarti: