Badante: 480 euro se in servizio nelle festività natalizie, tutti i perché

Anche il Covid dietro i circa 500 euro di straordinari a carico delle famiglie che hanno bisogno della badante nelle festività.
badanti stipendio

Stanno per arrivare le festività natalizie ma per il settore lavorativo delle badanti, le attività non si fermano. Un anziano non smette di avere bisogno della badante solo perché è festa. E tra dicembre e gennaio, festività ce ne sono tantissime. E il servizio di assistenza per le badanti rischia di costare parecchio alle famiglie  che ne hanno bisogno. 

Badanti e festività, straordinario spettante, quando?

Il lavoro della badante non si differenzia granché da qualsiasi altra attività lavorativa. E un lavoratore dipendente, se lavora nei festivi, deve prendere lo straordinario. E come già detto, tra dicembre e gennaio, le festività sono tantissime. 

E vista la situazione emergenziale, migliore rispetto al Natale scorso, ma sempre con limitazioni, le mancate riunioni familiari classiche del periodo, rendono la badante ancora più necessaria di quanto già non lo sia. 

Il figlio che rientra a casa a Natale, che organizza pranzo e cena, può fare a meno della badante, concedendogli il giusto riposo festivo. Senza il “ricongiungimento familiare”, badante fondamentale ed in pieno servizio. Ma da pagare proprio con straordinario. 
Quanto costa la badante nelle festività? Tanto, dicembre il mese peggiore per i datori di lavoro. 
Dicembre è un mese assai particolare nel settore domestico. Un mese ricco per la badante, che allo stipendio si vede aggiungere la tredicesima e pure, a richiesta, il TFR. E se in servizio nei festivi, ancora più soldi, di straordinario. Tradotto in termini pratici per i datori di lavoro, un salasso. I giorni festivi di cui parliamo, sono l’8 dicembre, il 25 dicembre, il 26 dicembre, il primo gennaio, l’Epifania del 6 gennaio. E c’è da considerare tutti i prefestivi. 

I festivi secondo il CCNL


Niente attività lavorativa per le badanti a Natale, Santo Stefano, Capodanno e alla Befana. Non è una scelta libera da parte dei datori di lavoro o del lavoratore. Lo prevede il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, il CCNL del settore domestico. 

L’opzione a disposizione delle parti è il lavoro straordinario, nel senso che ci si può accordare per prestare servizio anche in questi giorni. La badante alle prese con l’assistenza di un soggetto non autosufficiente, questo il profilo della nostra analisi. Inevitabile che sia lei.

Perché il lavoro festivo si rende necessario proprio di fronte ad un anziano non sufficientemente autonomo a tal punto da poter restare solo. La badante in questione è quella inquadrata al livello CS (C Super). 

I calcoli del costo della badante in queste festività natalizie

Ammettendo che la badante debba lavorare tutti i festivi di questo periodo, comprese le due domeniche neutre da altri appuntamenti da rosso in calendario, la spesa in più per la famiglia sarebbe di 500 euro circa. In base al CCNL la badante assunta al livello CS, percepisce 80 euro al giorno, circa 990 euro al mese.

Quindi, 320 euro per i festivi prima citati e 160 per le due domeniche. Sarebbero 480 euro da aggiungersi ai 990 euro di stipendio, altrettanti di tredicesima (mensilità aggiuntiva pari a 1/12 di retribuzione annua) e 600 euro circa di anticipo TFR (70% del TFR maturato). Totale di oltre 3.000 euro, questo ciò che una famiglia dovrebbe sostenere in questo particolare periodo dell’anno.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
74
Shares