Bonus Baby sitter INPS: si al cumulo con il congedo straordinario COVID

bonus baby sitter

In data 17 giugno 2020, l’INPS ha pubblicato una circolare in cui si chiarisce come poter cumulare il bonus baby sitter con il congedo straordinario COVID.

Con l’emergenza legata alla diffusione corona virus, il governo ha varato diverse misure per sostenere le famiglie, due di queste sono il congedo straordinario COVID e il bonus baby sitter.

Entrambe hanno lo scopo di permettere alle famiglie, con genitori lavoratori, di poter badare ai figli in prima persona o di assumere a tale scopo una baby sitter. Nel primo caso viene concesso un periodo di congedo dal lavoro e nel secondo vengono erogati soldi per poter pagare una baby sitter.

Fino al giorno precedente la pubblicazione del chiarimento si è sempre pensato che una misura escludesse l’altra, quindi, il genitore o si avvaleva del congedo e pensava a badare i figli costretti a casa per la chiusura delle scuole, oppure ricorrendo al bonus baby sitter e lasciare i figli in tranquillità continuando a lavorare. Ma con la circolare n.73/2020 l’INPS ha chiarito che si può usufruire di entrambe le misure di sostegno in base ad alcune regole.

Usufruire sia del bonus baby sitter che del congedo straordinario COVID è possibile se il richiedente ha già richiesto e ottenuto il congedo per un periodo non superiore ai 15 giorni. L’ammontare del bonus sarà inferiore, l’importo che verrà erogato oscilla tra i 600 e i 1000 euro, quindi, la metà rispetto a chi ne fa richiesta senza usufruire del congedo ma è comunque cumulabile. Il bonus baby sitter non sarà erogato a chi ha invece usufruito del congedo per un periodo di 15 giorni e oltre.