Bozza Dpcm: divieto di asporto per i bar dalle 18. Scuola in presenza al 100% fino alla terza media

Cosa prevede la bozza del Dpcm, le cui regole entreranno in vigore dal 16 gennaio e saranno valide fino al 5 marzo 2021.
Dl Draghi anti Covid

La bozza del nuovo Dpcm, le cui regole entreranno in vigore dal 16 gennaio e saranno valide fino al 5 marzo 2021, prevede la scuola in presenza (dal 18/1) per quella dell’infanzia, per le elementari e le medie. Per quanto concerne le scuole superiori di II grado, ci saranno norme flessibili che prevedono la presenza degli studenti nelle aule da un minimo del 50% a un massimo del 75%. Le università decideranno se effettuare la didattica in presenza o a distanza, a seconda del quadro epidemiologico e nel rispetto delle linee guida.

Come già annunciato, sarà vietato ai bar e alle attività commerciali che vendono bevande e alcolici, di procedere al servizio di asporto dopo le ore 18. Niente da fare per gli impianti di sci, che resteranno chiusi fino al 15 febbraio. La bozza del Dpcm consente la possibilità di effettuare i servizi di crociera da parte delle navi passeggere battenti bandiera italiana, ma sempre nel rispetto delle misure anti Covid stabilite dal Cts.

Visite a casa di parenti e amici

Dal 16 gennaio 2021, data in cui entreranno in vigore le misure previste dalla bozza del Dpcm, sarà possibile recarsi a casa di amici e parenti, anche nelle zone rosse, per un massimo di due persone (si possono portare anche due minori di 14 anni conviventi). Lo spostamento verso una sola abitazione privata abilitata è consentita solo nell’ambito del proprio Comune, per una sola volta al giorno e nella fascia oraria che va dalle 5:00 alle ore 22, ovvero quando non c’è il coprifuoco. Confermata la deroga per i Comuni con meno di 5.000 abitanti, nei quali ci si potrà spostare entro 30 chilometri dal suo confine, esclusi i capoluoghi di provincia.

La bozza del Dpcm valido dal 16 gennaio 2021, contempla l’apertura di musei, istituti e luoghi di cultura nelle zone gialle, ma sempre filtrando e organizzando le visite, al fine di evitare gli assembramenti. I musei non resteranno aperti nei weekend. Si ricorda che è vietato lo spostamento tra regioni anche in zona gialla. Palestre e piscine resteranno chiuse fino al 5 marzo 2021.

Pubblicità
📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
12
Shares
Potrebbe interessarti: