Concorso pubblico per l’assunzione al Sud di 2.800 tecnici: requisiti e scadenza domanda

Concorso per le amministrazioni pubbliche del Sud: 2.800 posti per tecnici qualificati non dirigenziali. I cinque profili da ricoprire, requisiti e domanda di ammissione. Modalità di svolgimento.
Concorso Sud Italia per 2.800 posti nelle PA: date, sedi e prova scritta

Il concorso pubblico pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.27 del 6 aprile 2021, si pone l’obiettivo di assumere con contratto a tempo determinato (36 mesi) 2.800 unità di personale non dirigenziale nelle amministrazioni pubbliche del Sud, per supportarle nell’attuazione dei progetti del Recovery Plan.

I 2.800 tecnici qualificati vincitori del concorso, inquadrati in Area III, posizione retributiva F1, saranno impiegati nelle PA delle seguenti regioni: Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. Nel dettaglio, i posti messi a concorso.

  • n. 1.412 Tecnici ingegneristici
  • n. 918 Esperti in gestione, rendicontazione
  • n. 177 Progettisti, animatori territoriali, esperti di innovazione sociale
  • n. 169 Amministrativi giuridici;
  • n. 124 Process data analyst.

Requisiti di ammissione al concorso

  • Cittadinanza italiana o di altro Stato membro della UE;
  • maggiore età;
  • titolo di laurea;
  • Idoneità fisica;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una PA;
  • non aver riportato condanne penali;
  • assolto dagli obblighi di leva;

La domanda

I candidati devono presentare domanda di partecipazione al concorso pubblico entro il 21 aprile 2021, accedendo per via telematica tramite SPID alla piattaforma Step One 2019 reperibile sul sito «https://ripam.cloud». Nella prima scheda vanno inseriti i dati che attestano il possesso dei requisiti necessari. Nella seconda scheda vanno inseriti i titoli posseduti previsti dal bando. I candidati devono indicare il codice, a seconda del profilo per il quale intendono partecipare.

In base al punteggio attribuito ai titoli, il sistema genererà automaticamente una graduatoria per ogni profilo, per un numero di candidati pari a tre volte i posti messi a concorso, quest’ultimi accederanno alla prova scritta digitale a risposta multipla in sedi decentrate per limitare il rischio di contagio da Covid-19. Verranno valutati i titoli di studio e i titoli professionali, valorizzando l’esperienza curriculare dei candidati.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
5
Shares
Potrebbe interessarti: