Congedo COVID genitori dal 14 ottobre: i chiarimenti dell’INPS sulla fruizione

Ecco quando i genitori possono richiedere il congedo COVID per i figli minori di 14 anni.
Coronavirus Congedo COVID genitori dal 14 ottobre: i chiarimenti dell'INPS sulla fruizione

Quali sono le novità in ambito di Congedo COVID per i genitori introdotte dalla conversione in legge del DL Agosto e dal DL Ristori. Si tratta di un congedo retribuito al 50% ma non per tutti.

Congedo COVID genitori

La fruizione del congedo COVID è estesa per i figli minori di 14 anni contagiati e costretti in quarantena anche nei casi in cui in contagio sia avvenuto al di fuori del plesso scolastico ma in centri sportivi, palestre, piscine, strutture frequentate per lezioni di musica o lingua.

Si potrà fruire di questo congedo a partire dal 14 ottobre 2020. Lo stesso congedo potrà essere fruito anche se il figlio non è contagiato ma l’attività scolastica in presenza viene sospesa ma solo dal 29 ottobre 2020.

I chiarimenti sono contenuti nella circolare INPS 132 del 2020 pubblicata la scorsa settimana.

Pubblicità

Il congedo potrà essere richiesto solo nel caso che i genitori non possano svolgere la propria attività in maniera agile e solo nel caso che l’altro genitore non sia disoccupato, inoccupato o fruitore di sostegno al reddito.

Per i figli con età compresa tra i 14 ed i 16 anni invece del congedo potrà essere richiesta aspettativa non retribuita con diritto di conservazione al posto di lavoro.

Se l’altro genitore ha anche altri figli da precedenti rapporti, in ogni caso,  può fruire in contemporanea del congedo per gli altri figli (a patto che non ne fruisca anche l’altro genitore).

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
18
Shares
Potrebbe interessarti: