Congedo straordinario retribuito, che retribuzione spetta?

Rispondiamo ad un lettore che ci chiede l'ammontare dell'indennità riconosciuta con i 24 mesi di congedo straordinario retribuito.

Domande e risposte invalidita

Per chi assiste un familiare convivente con grave disabilità ai sensi della legge 104 del 1992 è possibile fruire del congedo straordinario retribuito, regolato dalla legge 151 del 2001. Con questo congedo il lavoratore dipendente può assentarsi dal lavoro per un massimo di 24 mesi ricevendo in cambio una indennità pari all’ultima retribuzione base percepita prima del congedo stesso.

Congedo straordinario ed indennità

Un lettore di Pensioniefisco.it ha scritto per avere delucidazioni in materia di congedo straordinario:

Buongiorno, ho letto il vostro articolo sul congedo straordinario retribuito e proprio per questo motivo ho deciso di scrivervi. Ho letto che per 24 mesi spetta un’indennità ma vorrei sapere a quanto ammonta per capire se senza lavoro riuscirò a mantenere me e mia madre disabile con l’indennità ricevuta.

L’indennità spettante per il congedo straordinario retribuito è pari all’ultima retribuzione presa prima di iniziare l’aspettativa retribuita. Saranno presi in considerazione, per il calcolo dell’indennità spettante, solo gli elementi fissi della busta paga e quindi non saranno considerati eventuali bonus, premi produzione, straordinari, maggiorazioni notturne, ovvero tutte le voci variabili della retribuzione.

Da tenere presente, inoltre, che l’intero periodo sarà coperto da contribuzione figurativa valida sia per il diritto che per la misura della pensione.

Mi preme farle presente, inoltre, che durante la fruizione del congedo non solo non si maturano ferie e tredicesima ma non si matura neanche la quota del TFR. Questi elementi, infatti, maturano solo in presenza di lavoro effettivo.

Per dubbi e domande è possibile scrivere a: [email protected]
I nostri esperti provvederanno a dare una risposta al tuo quesito in base all’originalità.