Coronavirus: ecco i luoghi dove c’è più rischio di contagio

Secondo le ultime ricerche il coronavirus si contrae più facilmente in determinati luoghi. Esistono, quindi, posti in cui il rischio di contagio aumenta.

Coronavirus e rischio contagi

Per chi vuole evitare il contagio da Coronavirus è bene sapere che è stata stilata una lista di luoghi in cui il rischio di contagio è più alto e altri in cui è davvero basso.

Fermo restando l’obbligo di indossare la mascherina e di rispettare il distanziamento sociale, vediamo le liste dei luoghi a rischio.

Il rischio contagio aumenta e diminuisce in base a diversi fattori tra i quali se ci si trova all’aperto o in un luogo chiuso, il numero di persone che ci sono, se usano o meno la mascherina, le superfici che vengono toccate.

A sorpresa uno dei luoghi più rischiosi sono i macelli, dove anche a causa del freddo delle celle frigorifere le difese immunitarie di chi vi lavora vengono abbassate.

A rischio anche le chiese, soprattutto se le stessa hanno un coro: con il canto, infatti, si emettono micro goccioline di saliva che si diffondono nell’aria.

Luoghi molto pericolosi anche gli stadi, nonostante siano all’aperto: qui la causa del rischio è data dal gran numero di persone presenti in uno spazio relativamente ristretto. La gente allo stadio, poi, canta, urla, inneggia e questo favorisce la diffusione del virus.

Discoteche anche sono luoghi ad altissimo rischio contagi, ballando non è facile rispettare i distanziamenti e facilmente si creano assembramenti.

Le scuole, invece, sono un posto molto sicuro in cui si sono registrati pochissimi contagi: il problema che ha portato alla chiusura della scuole superiori, infatti, non va ricercato nella sicurezza della scuola in sé ma per gli assembramenti che possono crearsi nel momento dell’entrata e dell’uscita (i ragazzi tendono a fare gruppo nell’attesa di entrare o dopo che sono usciti) e per l’affollamento dei mezzi di trasporto che gli studenti utilizzano.

Per quanto riguarda i ristoranti, invece, se si rispettano le regole di distanziamento la sicurezza non manca: il problema insorge quando vengono disposti i tavoli troppo vicini uno con l’altro.