Covid, domani cambio colore Regioni: Basilicata, Calabria, Puglia e le isole, cosa succede?

Come prassi domani il classico report sull’andamento della pandemia produrrà il cambio di colore delle Regioni, ecco cosa aspettarsi
ristoranti e bar verso riaperture

Come ogni venerdì il consueto report sull’andamento della pandemia Regione per Regione porterà alle nuove ordinanze del Ministro Speranza. Ormai l’appuntamento del venerdì è atteso da tutta la popolazione che ogni settimana aspetta le novità sulle limitazioni a cui andrà incontro a partire dal lunedì successivo.

Ad oggi tutte le Regioni italiane sono in zona gialla ad esclusione di Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta in arancione, e Sardegna in rosso. Ma cosa potrà cambiare con le nuove ordinanze e cosa potrebbe accadere da lunedì 3 marzo data di entrata in vigore delle nuove ordinanze?

Poche speranze per chi oggi è arancione, spera solo la Puglia

Se l’unica Regione italiana oggi i rosso, cioè la Sardegna spera di passare quanto meno in zona arancione per un parziale anche se minimo allentamento delle misure (ad approfondire il campo tra rosso e arancione cambia davvero poco), le Regioni che oggi sono arancioni difficilmente diventeranno gialle.

La zona gialla è l’aspirazione di tutti i cittadini, perché in zona gialla riaprono bar e ristoranti, riaprono i cinema, si può cenare nei ristoranti se hanno posti all’aperto e così via.

La Calabria, la Sicilia e la Basilicata vanno verso la conferma della zona arancione, un’altra settimana di limitazioni e di invidia nel vedere Regioni come la Lombardia, il Veneto, il Piemonte e l’Emilia Romagna, in passato quelle più colpite dal virus, in zona gialla e quindi con un ritorno ad una discreta anche se non completa normalità.

Anche la Campania e il Lazio sono in zona gialla, ma per le tre Regioni del Mezzogiorno prima citate, la zona gialla dal 3 maggio resta un autentico miraggio in base agli ultimi dati che qualcuno spera siano sbagliati o che cambino radicalmente tra oggi e domani.

L’unica Regione che sembra essere indirizzata verso il raggiungere le altre in zona gialla è la Puglia, oggi arancione. Va peggio alla Valle d’Aosta, dove c’è addirittura l’ipotesi di retrocedere da arancione a rossa.

Appuntamento a domani

Domani si riunirà la cabina di regia del Ministero della Salute e le ipotesi fin qui fatte si tradurranno in ordinanze reali. Le Regioni in zona gialla oggi, dovrebbero rimanere tali dal momento che non si registrano significativi peggioramenti della situazione.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
0
Shares
Potrebbe interessarti: