Crisi di governo: se il governo cade ristori a rischio, ecco quali

Quali rischi sui ristori con una caduta del governo Conte bis? Vediamo cosa accade con il governo dimissionario.
Crisi di governo Crisi di governo: se il governo cade ristori a rischio, ecco quali

La crisi di governo non minaccia solo di farci tornare alle urne ma anche i ristori messi in campo dal decreto Ristori 5, che avrebbe dovuto estendere gli aiuti anche alle partite Iva che non erano rientrate nei precedenti indennizzi. Vediamo quali sono gli aiuti a rischio se il governo dovesse cadere.

Rischi caduta del governo

Il decreto Ristori 5 avrebbe dovuto essere varato entro la fine di gennaio ma se il governo Conte dovesse cadere gli scenari cambierebbero visto che potrebbero esserci delle difficoltà nel voto del decreto.

Un governo dimissionario, come quello Conte bis nel caso il premier presentasse le dimissioni, potrebbe svolgere solo amministrazione ordinaria e si dubita che un governo dimissionario riuscirebbe a licenziare un decreto corposo come il ristori 5.

Con l’uscita dalla maggioranza degli esponenti di Italia Viva, poi, il goveno ha perduto anche il controllo delle commissioni parlamentari.

Pubblicità

Al centro del decreto ristori 5, lo ricordiamo, ci sono gli indennizzi alle categorie colpite maggiormente dal COVID, compresi i professionisti. Il decreto poi, avrebbe dovuto superare il criterio fino ad ora legato ai codici ATECO andando, invece, a guardare solo all’effettivo calo del fatturato su base annuale, sempre nel rispetto della soglia del 33%.

Ma a rischio sarebbe anche la proroga del capitolo fiscale, non ancora varata. Il decreto Ristori 5, infatti, avebbe dovuto allungae l’attività di riscossione di altri 24 mesi: senza l’approvazione il 31 gennaio 2021 si dovrebbero pagare le notifiche delle cartelle esattoriali e le rate delle dilazioni non pagate nel 2020.

Andrebbe posticipata, poi, anche la rottamazione quarter attualmente allo studio che permetterebbe la recolarizzazione dei debiti con il Fisco senza dover pagare sanzioni ed interessi per i ruoli del 2018 e del 2019.

Ma il Ristori non è solo questo:  andrebbe sospeso anche il pacchetto lavoro che con il ristori porterebbe al prolungamento della cassa COVID e una nuova proroga, anches e selettiva, al blocco dei licenziamenti in scadenza il 31 marzo 2021.

Pensioni & Fisco è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, iscriviti clicca sulla stellina in alto e resta sempre aggiornato, clicca qui.

Google News Edition Icon
Total
24
Shares
Potrebbe interessarti: