In arrivo altri buoni spesa per le famiglie con il Decreto Ristori Ter

In arrivo altri buoni spesa grazie agli stanziamenti del Decreto Ristori Ter

Italia in zona gialla dopo l'Epifania ma solo temporaneamente

Il decreto Ristori Ter, licenziato nella notte dl Consigli dei Ministri, ha previsto lo stanziamento di altri 400 milioni di euro per rinnovare i buoni spesa Covid.

I buoni spera erano stati già previsti durante il primo loskdown per andare incontro ai bisogni delle famiglie in maggiore difficoltà economiaca e adesso verranno nuovamente erogati dai Comuni.

Nuovi buoni spesa

I buoni spesa, utilizzabili solo per compare prodotti alimentari e beni di prima necessità possono essere spesi soltanto nei negozi individuati dal Comune di appartenenza,

L’alternativa ai buoni spesa, che alcuni Comuni hanno adottato soprattutto laddove non sono presenti tutti gli esercizi commerciali, è quella di consegnare direttamente la spesa a domicilio alle famiglie bisognose.

L’assegnazione e la modalità di assegnazioni dei buoni spesa viene definita da ogni sindaco che impartisce le istruzioni per la presentazione delle apposite domande di richiesta. Anche le famiglie destinatarie vengono individuate dal Comune dando precedenza alle famiglie che non ricevono sussidi.

L’importo del buono spesa è variabile dai 300 ai 500 in base anche alla composizione del nucleo familiare.

Per approfondire leggi anche:

Pensioni & Fisco è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, iscriviti clicca sulla stellina in alto e resta sempre aggiornato, clicca qui.

Google News Edition Icon
Giornalista pubblicista dal 2017, è stata direttore responsabile della testata online Investireoggi.it. Collabora dal 2014 con la testata online Orizzontescuola.it ed è stata cofounder e autore del sito web Notizieora.it. Esperta di previdenza e fiscalità da anni, oltre che fornire informazione puntuale e autorevole, risponde alle domande dei lettori su questi argomenti. Vuoi contattarmi? Scrivi una mail a info@pensioniefisco.it