Pensione di reversibilità: aumento per i superstiti di medici e dentisti, ecco in quali casi

Ai superstiti di medici e dentisti morti per il COVID, pensione di reversibilità più alta.
pensione di reversibilità

Pensione di reversibilità più alta per i familiari superstiti dei medici e dentisti deceduti a causa del Covid. L’assegno potrà essere maggiorato fino a 20 anni di contributi in più da parte dell’ENPAM.

Si tratta di una misura contenuta in un pacchetto che l’ENPAM ha già varato nell’aprile 2020 e entratein vigore solo dopo l’approvazione da parte del Ministero dell’Economia e di quello del Lavoro.

L’iniziativa di aggiungere al montante contributivo di medici e dentisti periti a causa del Coronavirus fino a 20 anni di contributi farà in modo che vedove e orfani possano ricevere una pensione di reversibilità calcolata su un numero di anni di contributi più alto rispetto a quello di cui il deceduto avrebbe avuto diritto.

“Il numero di vittime tra i medici e gli odontoiatri, già impressionante di per sé, non rende nemmeno il dramma dei casi individuali. Si pensi a quale disagio può andare incontro la famiglia di un collega strappato dal virus quando gli mancavano ancora 20 anni per andare in pensione – dice il presidente dell’ente Alberto Oliveti –. Ci sembra doveroso nei confronti di chi ha messo a rischio la propria vita per curare gli altri, che i familiari possano contare sul supporto della categoria”

Pubblicità
📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
15
Shares
Potrebbe interessarti: