Reddito di emergenza: ancora tre mensilità in arrivo? le ultime novità

Il Reddito di emergenza potrebbe davvero estendersi di altri tre mesi fino a fine anno? ecco le ultime in materia.
Reddito di emergenza 2021: calendario pagamento INPS

Per il 2021 il governo ha deciso di erogare a soggetti bisognosi, ben 7 mensilità del Reddito di emergenza. Parliamo della misura di contrasto alla povertà temporanea, nata per via della grave emergenza Covid. Uno strumento di sostegno a famiglie e singoli privi di coperture da ammortizzatori sociali o da altri sussidi come per esempio, il Reddito di cittadinanza.

Infatti la misura è stata appannaggio tanto dei singoli, che delle famiglie composte da due o più persone, che in questi mesi di pandemia, si sono trovati con un reddito basso e senza alcuna copertura. Da marzo a settembre, questi i mesi indennizzati.

Il fato che lo stato di emergenza nazionale finisca il 31 dicembre prossimo, apre allo scenario più ottimistico di ulteriori tre mesi di Rem. Non ci sono ancora notizie ufficiali, anche perché il governo è alle prese con la legge di Bilancio e non con i Decreti emergenziali che in genere, da più di un anno e mezzo, hanno prodotto queste tipologie di misure di aiuto.

Va ricordato infatti che le ultime 4 mensilità del Rem sono state introdotte dal decreto Sostegni Bis. Il fatto che non ci sia in programma alcun decreto emergenziale non è una cosa positiva per chi spera in ulteriori tre mesi di Rem. Ma è evidente che la situazione di crisi ancora evidente, apra a scenari di questo genere.

Il Reddito di emergenza in questo 2021, a novembre l’ultimo pagamento?

Allo stato attuale delle cose, a novembre i beneficiari del Rem percepiranno l’ultima mensilità prevista. Singoli, famiglie numerose o con disabilità all’interno, hanno percepito e percepiranno ancora, rispettivamente 400, 800 o 840 euro. Li hanno percepiti per i mesi di marzo, aprile e maggio 2021, e poi, dopo il decreto Sostegni Bis, anche per i mesi di giugno, luglio, agosto e settembre 2021.

Le mensilità i pagamento sono in ritardo, disallineate di diversi mesi rispetto a quelli di competenza dell’assegno. Ed è così che a novembre, ricevendo il mese di settembre, si chiuderà l’esperienza del 2021 con il Rem. Questo almeno stando a ciò che si sa oggi, perché le ipotesi di estensione, oggi restano solo ipotesi.

Rem nel 2022? Ancora niente di ufficiale

Se esiste una possibilità che il Rem venga esteso, se non tramite un provvedimento singolo, è la legge di Bilancio. Ma la manovra finanziaria entra in vigore nel 2022, ed eventualmente, nuovi mesi di Reddito di emergenza potrebbero sopraggiungere solo ad anno nuovo in corso.

Nuovi Isee da fare quindi per i potenziali interessati, e probabilmente novità anche strutturali sulla misura. A meno che non si decida di prolungare in misura straordinaria il Rem anche per ottobre, novembre e dicembre 2021, mesi scoperti dal sussidio anche se a ottobre e novembre i beneficiari riceveranno un pagamento. Ma i due pagamenti di ottobre e novembre (a partire dal 15 di ciascun mese, così sembra) si riferiscono ai mesi di agosto e settembre, per via del pesante disallineamento dei mesi di competenza con quelli di pagamento prima citati.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
0
Shares
Potrebbe interessarti: