Reddito di emergenza e proroga Naspi-REM: quando arriva il pagamento

La data di inizio erogazione da parte dell’INPS del Reddito di Emergenza, anche per gli ex percettori di Naspi o Dis-Coll.
Pagamento REM proroga Naspi 2021

Finalmente, l’INPS comincia ad erogare i pagamenti relativi al Reddito di Emergenza anche per gli ex percettori di Naspi o Dis-Coll. Chi ha inoltrato la domanda all’Ente previdenziale pubblico nel mese di maggio riceverà l’assegno da oggi, martedì 15 giugno 2021.

Chi ha presentato richiesta ad aprile ha già ricevuto il pagamento a maggio, eccezion fatta per coloro che si sono visti respingere le domande, soprattutto quelle presentate per ottenere il REM come sostitutivo della proroga dell’indennità di disoccupazione a causa di errore commesso dal sistema INPS (poi rielaborate con i requisiti esatti) che lo riceveranno da oggi.

Chi ha chiesto il Reddito di Emergenza ha tempo entro il 31 luglio per fare la nuova richiesta che gli consentirà di ricevere le ulteriori quattro mensilità (giugno, luglio, agosto e settembre 2021) previste dal decreto Sostegni Bis.

Purtroppo per gli ex percettori di Naspi o Dis-Coll, la stessa proroga ottenuta dai beneficiari del REM non è stata concessa a loro, per cui, la copertura con l’assegno si ferma ai mesi di maggio, giugno e luglio.

Il Reddito di emergenza: a chi spetta

Per rientrare nella platea dei beneficiari del REM occorre avere un ISEE inferiore a 15.000 euro, salvo eccezioni previste dal decreto Sostegni 1. E’ necessario rispettare anche altri requisiti relativo al reddito e al patrimonio. Inoltre, è importante sottolineare che per fruire del Reddito di Emergenza non bisogna essere percettori del Reddito di Cittadinanza o di altre indennità o bonus introdotte dal Governo per limitare i danni economici causati dall’emergenza Covid.

Il REM varia dai 400 euro mensili a un massimo di 800 euro, ma può arrivare fino a 840 euro per le famiglie con soggetti disabili o comunque non autosufficienti.

Invece, gli aventi diritto al REM per proroga Naspi e Dis-Coll sono previste tre mensilità per un importo totale di 1.200 euro (400 euro al mese). In questo caso, il requisito ISEE cambia, l’importo basta sia inferiore ai 30.000 euro e viene considerato solo il richiedente e non il nucleo familiare. Altro requisito fondamentale è avere l’indennità di disoccupazione scaduta tra il 1° luglio 2020 e il 28 febbraio 2021, inoltre, non essere in possesso di un contratto di lavoro.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
0
Shares
Potrebbe interessarti: