Scuola e DAD: gli studenti sono costretti ad accendere la webcam?

E' obbligatorio per lo studente online accendere la videocamera? Vediamo cosa dice la legge.

Innanzitutto, prima di parlare del diritto degli studenti di poter tenere chiusa o meno la webcam, dobbiamo spiegare cos’è una video lezione.


In questa particolare situazione in cui l’intero mondo è sotto attacco da una pandemia di Covid-19, Molti stati hanno ricorso All’eliminazione momentanea dell’istruzione negli edifici scolastici, passando quindi alle video lezioni. Ma cosa sono? Le video lezioni sono semplicemente lezioni che vengono effettuate su apposite applicazioni per poter stare in una chiamata sia con il proprio docente che con i propri compagni, quindi, un ottimo modo per istruire i ragazzi tutti insieme nel rispetto delle norme prese per evitare i contagiati.

Webcam: è obbligatorio accenderla?


Quindi, tornando all’argomento principale, la legge cosa dice sull’argomento webcam?


La legge,infatti, non prevede che gli studenti siano obbligati ad accendere la videocamera, tuttavia ci sono alcune eccezioni nella quale gli insegnanti possono prendere conto se lo studente attiva o meno la videocamera.


Se l’alunno non possiede una videocamera gli insegnanti non possono costringerlo a comprarne una.

Tuttavia, su questa questione, le scuole hanno promesso di dare in maniera momentanea agli studenti bisognosi di questi materiali, computer attrezzati con videocamera e microfono per partecipare nella maniera più attiva possibile alle videolezioni.


Mentre, se lo studente ha la possibilità di accenderla, ma, si rifiuta di farlo senza fornire alcun informazione sul motivo del rifiuto, l’insegnante potrebbe tenere conto di questo comportamento.


Tuttavia a questa situazione, si potrebbero presentare situazioni in cui, l’accendere la videocamera potrebbe violare la privacy familiare, si pensi a qualunque cosa che non si voglia far vedere ai propri compagni o docenti, potrebbe essere una legittima motivazione per rifiutarsi e in questo caso, il rendimento scolastico dello studente non potrebbe essere in nessun modo toccato dal rifiuto dell’accensione della videocamera, recitandolo come un legittimo rifiuto.

Leggi anche: Didattica a distanza