Sondaggi elettorali: boom M5S e FdI, crolla Salvini

Le intenzioni di voto Ixè del 30 luglio 2020, ravvisano un forte calo della Lega che si trova con meno di un punto di vantaggio sul PD.

Sondaggi politici elettorali: Ixè 30 luglio 2020

L’istituto di ricerche Ixè ha realizzato un sondaggio politico tra il 28 e il 30 luglio 2020, le cui intenzioni di voto sono sorprendenti per quanto concerne il trend degli ultimi nove giorni. Ancora più incredibile, se si pensa al risultato delle Europee 2019, è che il Partito Democratico è proiettato verso il sorpasso sulla Lega. Per la seconda settimana consecutiva, continua la tendenza ascendente del Movimento 5 Stelle e di Fratelli d’Italia.

Sondaggi politici: Lega sull’orlo del precipizio, PD vicinissimo

I dati tratti dall’Osservatorio Politico Nazionale realizzato dall’istituto Ixè, evidenziano con le intenzioni di voto del 30 luglio, un pesante ribasso nei consensi della Lega, che rispetto al 21 luglio perde un punto percentuale e scende al 22,7%. Il Partito Democratico non approfitta appieno del crollo leghista, guadagna lo 0,1% ma si porta a soli 8 decimi dal partito di Salvini con il 21,9%.

L’altro duello in termini di dati è composto dal Movimento di Vito Crimi e dal partito di Giorgia Meloni. Il M5S sta rispondendo molto bene all’assalto di Fratelli d’Italia che, tre settimane fa aveva ridotto il gap all’1,6%. Oggi 30 luglio 2020, i pentastellati registrano un rialzo di nove decimi rispetto a nove giorni fa, salendo al 16,7%. FdI cresce dello 0,6% e si porta al 14,5%, il distacco supera i due punti. Immobile Forza Italia al 7,9% che fa gara a sè, lontano dalle principali forze politiche ma anche molto avanti agli altri partiti minori.

Chi supera la soglia del 3% tra le forze politiche minori?

In costante crescita, da quasi due mesi, La Sinistra guadagna lo 0,2% in nove 9 giorni e raggiunge il 3,6%. Perde lo 0,1% e scende al 2,5% +Europa. Italia Viva, in calo di un decimo e Azione, in aumento dello 0,1%, valgono il 2,2%, un risultato molto deludente per le aspettative, rispettivamente di Matteo Renzi e Carlo Calenda. Con nessuna legge elettorale, se si andasse a votare oggi per elezioni politiche, i due partiti entrerebbero in Parlamento, che sia esso confermato così com’è, che subisca come probabile, la decurtazione prevista dalla legge sul taglio dei parlamentari, per cui gli italiani sono chiamati a confermare tramite il referendum del 20 e 21 settembre 2020.

Europa Verde è indicato con un modesto 1,5%. Il sondaggio Ixè non prende in considerazione Cambiamo! di Giovanni Toti, il nuovo Italexit di Paragone e altre liste, probabilmente perchè al di sotto dell’1%. Alla voce “Altri partiti” è abbinato il 4,3%. Indecisi/astenuti al 38,6%, un forte calo del 2,3% rispetto alla precedente rilevazione.