Sondaggi politici elettorali: Forza Italia crolla, risale la Lega

La Supermedia dei sondaggi del 2 luglio 2020, indica l'inversione del trend della Lega che torna a salire. Piccolo arretramento inatteso di FdI. Bene anche il PD, stabile il M5S, crolla FI.

Sondaggi politici Index 14/01/2021

Puntuale, arriva la Supermedia YouTrend/Agi a inquadrare lo scenario politico italiano attuale in riferimento alle intenzioni di voto. Dopo un lungo trend ascendente, Fratelli d’Italia frena e registra un lieve calo. Invece, risale la Lega e questo sembra proprio non essere un caso, visto che il grande guadagno in consensi portato a casa da Giorgia Meloni, altro non è stato che il netto calo avuto dall’alleato Matteo Salvini.

Rispetto a due settimane fa, la Supermedia del 2 luglio 2020 rileva anche la crescita del Partito Democratico che allunga su un Movimento 5 Stelle stabile. Crolla Forza Italia di quasi mezzo punto, in lieve rialzo le quotazioni di Italia Viva e Azione. Più in generale, le forze politiche che sostengono il governo recuperano un punto percentuale all’opposizione di centrodestra.

Sondaggi politici elettorali: la Supermedia del 2 luglio

Se si andasse a votare in questa fase per le elezioni politiche tanto richieste da Salvini e Meloni che avrebbero voluto gli italiani alle urne in concomitanza con le regionali del 20 e 21 settembre 2020, la Lega otterrebbe il 25,8% dei consensi, due decimi in più rispetto a metà giugno. In rialzo anche il PD, ma di tre decimi, che si porta al 20,5%. Fermo al 16,1% il M5S; Fratelli d’Italia al 14,6% in calo dello 0,1%. Forza precipita al 6,8% con un ribasso dello 0,4%.

Italia Viva di Matteo Renzi guadagna lo 0,1% e si attesta al 3,2%; stesso rialzo per Azione di Carlo Calenda che sale al 2,7% ma viene raggiunto da La Sinistra in crescita di due decimi. Verdi 1,8% in calo dello 0,1%, stabile +Europa all’1,7%.

La maggioranza di governo sale al 42,6%, scende al 48,2% l’opposizione di centrodestra. Le forze oppositrici di centrosinistra sono stimate al 4,3%, Altri 4,9%. Ricordiamo che al tempo della nascita del governo Conte II, la sua maggioranza valeva il 45,9% mentre il centrodestra si attestava al 46,3%.

La situazione politica a livello nazionale potrebbe ricevere uno scossone in vista del voto regionale di settembre 2020, quando si recheranno alle urne gli elettori di Veneto, Valle d’Aosta, Marche, Toscana, Liguria, Campania e Puglia.

Articolo precedenteUniversità, a settembre si potrebbe tornare in aula
Articolo successivoLega: mandare a casa un governo che blocca tutto
Nato nel 1971, da circa un decennio svolgo il lavoro di redattore web. Molti i siti con i quali ho lavorato e collaborato tra i quali ricordo Blasting News e Ultimora. Esperienza più importante è stata quella svolta come autore e coordinatore sul sito CentroMeteoItaliano dal 2015 al 2020. Ho collaborato con la testata online Money.it e collaboro attualmente con il sito web TvOra.it. Essendo una persona poliedrica mi sono occupati di svariati argomenti che vanno dalla politica al fisco, dallo sport alla TV anche se non ho disdegnato di trattare anche di terremoti, astronomia, astrologia, tecnologia e lotterie.