Ultimi sondaggi politici, sulle intenzioni di voto di 7 istituti demoscopici

Lega mai così bassa negli ultimi 20 mesi, Fratelli d'Italia al massimo storico. La maggioranza di governo perde colpi e non solo a causa di Renzi.

Sondaggi politici elettorali

Torna l’appuntamento con la Supermedia dei sondaggi politici YouTrend / Agi del 21 gennaio 2021, che tiene conto della media delle intenzioni di voto di sette istituti demoscopici realizzate negli ultimi 15 giorni. Rispetto ai dati di un mese fa, il calo più rilevante lo registrano la Lega e il Partito Democratico. Forza Italia è il partito che cresce di più.

Lega così bassa solo a fine maggio 2018

Il partito di Matteo Salvini perde mezzo punto e scende al 23,1%. Per trovare una stima elettorale inferiore, si deve tornare ai sondaggi elettorali YouTrend / Agi del 24 maggio 2018 (22,9%). Anche il PD cede lo 0,5% e si attesta al 20,1%. Fratelli d’Italia guadagna un decimale e passa al 16,3% (massimo storico), allungando leggermente sul M5S, in calo dello 0,1% e che si attesta al 15,0%. Forza Italia cresce di sei decimali e passa all’8,0%.

Azione di Calenda stacca La Sinistra (ferma al 3,2%), con aumento di consensi dello 0,3% che lo porta al 3,5%. Italia Viva di Renzi perde un decimale e retrocede al 3,0%, soglia minima necessaria per entrare in Parlamento con l’attuale legge elettorale (Rosatellum). +Europa è stabile al 2,0%, Verdi invariato all’1,7%.

Il centrodestra allunga nettamente sulla maggioranza di governo

Il valore dell’area di governo scende al 41,4%, ma in realtà è ancora più basso. Se l’uscita di Italia Viva dovesse diventare definitiva, la coalizione sarebbe rappresentata solo da PD, M5S e LeU, per un consenso totale del 38,4%.Una situazione che favorisce il centrodestra, più di quanto non lo sia già. L’opposizione di CD, tenendo conto dell’1,0% di Cambiamo, vale il 48,5%. In ogni caso, se si andasse a votare per elezioni anticipate, non ci sarebbe alcun dubbio sulla coalizione vincente.

Al momento, le elezioni politiche non sembrano essere fattibili, il Premier Conte ha avuto un paio di settimane dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al fine di trovare una maggioranza decisamente più stabile. I 156 voti a favore del governo ottenuti al Senato, non sono sufficienti ad eliminare la sua precarietà. Probabilmente, non basterebbe nemmeno la soglia minima della maggioranza assoluta (161). Il compito del presidente del Consiglio non sarà affatto semplice, tutt’altro.

Pensioni & Fisco è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, iscriviti clicca sulla stellina in alto e resta sempre aggiornato, clicca qui.

Google News Edition Icon
Nato nel 1971, da circa un decennio svolgo il lavoro di redattore web. Molti i siti con i quali ho lavorato e collaborato tra i quali ricordo Blasting News e Ultimora. Esperienza più importante è stata quella svolta come autore e coordinatore sul sito CentroMeteoItaliano dal 2015 al 2020. Ho collaborato con la testata online Money.it e collaboro attualmente con il sito web TvOra.it. Essendo una persona poliedrica mi sono occupati di svariati argomenti che vanno dalla politica al fisco, dallo sport alla TV anche se non ho disdegnato di trattare anche di terremoti, astronomia, astrologia, tecnologia e lotterie.