Vaccini ed opportunità di lavoro: domande entro l’8 febbraio per vaccinatori

Una iniziativa volta a dare sostegno ad una campagna vaccinale già partita ma che stenta a decollare tra mancanza di vaccini e carenza di personale.
vaccino

Il Covid ha generato una crisi senza precedenti, sia sanitaria che economica. Persone che perdono il lavoro, attività chiuse. Parlare di opportunità di lavoro in questi periodi è davvero esercizio azzardato.
Nella sanità però qualcosa si muove, perché la pandemia ha messo in ginocchio il settore. Per esempio la campagna vaccinale necessità di “manodopera”. Si cercano vaccinatori e le domande scadranno l’8 febbraio.

Due bandi per vaccinatori

Si cercano vaccinatori con due bandi Asl nel Lazio.

I bandi sono stati indetto dalle Asl di Rona. La ricerca è rivolta tanto a specializzandi che a personale già in pensione.
Una iniziativa volta a dare sostegno ad una campagna vaccinale già partita ma che stenta a decollare tra mancanza di vaccini e carenza di personale.
Per questo si cercano medici e infermieri, oppure specializzandi in materia o ancora pensionati.

I bandi in sintesi

I due bandi prevedono domanda entro l’8 febbraio. Vengono pure indicate le retribuzioni.
Infatti si parla di 40 euro per ora di lavoro o addirittura di 60 euro se si tratta di specialisti.

La scadenza è imminente per via della assoluta necessità di trovare addetti, alla luce del fatto che stanno per sorgere una novantina di centri di vaccinazione per l’emergenza Covid tra caserme, drive in e aree adibite ad hoc.

Con il bando della Asl 2 di Roma, si cercano medici abilitati anche privi di specializzazione. Retribuzione da 40 euro ad ora per chi è immediatamente disponibile.

Con quelli della Asl 4 di Roma invece, retribuzione tra 40 e 60 euro e occasione pure per medici o infermieri in pensione e specializzanti.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
1
Shares
Potrebbe interessarti: