Permessi legge 104, è necessaria residenza con il disabile?

Per avere diritto ai permessi legge 104 retribuiti è necessario essere conviventi con il disabile?
Invalidità e dichiarazioni dei redditi

La legge 104 è la legge quadro per la tutela e l’integrazione dei lavoratori con handicap. La legge in questione riconosce importanti agevolazioni sia per il disabile che per i familiari che lo assistono.

Tra i benefici più importanti previsti dalla legge 104 ci sono i 3 giorni di permesso mensile ai lavoratori dipendenti che assistono o si prendono cura di un familiare con handicap grave. Si tratta di permessi retribuiti che spettano sia al disabile stesso che ad un familiare che gli presta cura ed assistenza.

Permessi legge 104

Per ottenere i 3 giorni di permesso mensile, però, serve avere la residenza con il disabile?

Iniziamo con l’elencare quelli che sono i familiari che avrebbero diritto a richiedere i permessi legge 104 per l’assistenza del disabile:

  • genitori;
  • coniuge (o parte dell’unione civile);
  • convivente (more uxorio:si tratta del convivente “di fatto”, come individuato dalla cosiddetta legge Cirinnà);
  • parenti e affini entro il 2° grado;
  • parenti e affini entro il 3° grado, se i genitori o il coniuge (o la parte dell’unione civile) oppure il convivente del disabile hanno compiuto i 65 anni, sono anch’essi affetti da patologie invalidanti a carattere permanente indicate con apposito decreto, sono deceduti o mancanti.

Per avere diritto ai 3 giorni di permesso al familiare non è richiesta la convivenza con il disabile, vengono riconosciuti, infatti, anche se il familiare abita lontano dal disabile a patto che l’assistenza, nel giorno richiesto come permesso, venga offerta in maniera adeguata.

Ovviamente se la distanza tra disabile e familiare che lo assiste è superiore ai 150Km sopo avere fruito del permesso in questione, il lavoratore dipendente deve fornire al proprio datore di lavoro adeguata documentazione che attesti di aver raggiunto il luogo di residenza del disabile. Come si attesa? Esibendo il titolo di viaggio o, eventualmente, il ticket autostradale.

Discorso diverso, invece, se si deve fruire del congedo straordinario retribuito per il quale, infatti, la residenza con il disabile è necessaria.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
7
Shares