Pensione a 57 anni per tutti, basta aver fatto questo

Luca
Andare in pensione a 57 anni non è possibile solo per invalidi e per le donne, ma proprio per tutti, ecco come.
riforma pensioni 2023

Molto spesso si pensa che per andare in pensione prima dei 60 anni si debba essere donne ed approfittare dell’opzione donna. Oppure si deve essere invalidi. Ma qualsiasi lavoratore, invece, può andare in pensione praticamente quando vuole. La pensione a 57 anni è possibile per tutti, non è solo un’utopia. Ma è necessario rispettare determinati requisiti.

Pensione indipendentemente dall’età

In Italia sono due le misure che permettono il pensionamento senza porre alcun paletto anagrafico. La pensione anticipata ordinaria e la pensione quota 41. Mentre per accedere alla seconda è necessario appartenere ad un profilo di tutela (disoccupati, caregiver, invalidi, gravosi, usuranti) la prima è aperta a tutti.

Si tratta di una misura che non prevede nessuna penalizzazione sull’assegno e che permette di accedere non appena si raggiunge il requisito contributivo. A prescindere dall’età che si è compiuta.

Pensione a 57 anni per tutti

Ma quindi chi può andare in pensione a 57 anni? Chi raggiunge, se uomo, i 42 anni e 10 mesi di contributi. E questo significa aver iniziato a lavorare a 14 anni. Per le donne bastano, invece, 41 anni e 10 mesi di contributi e questo significa aver iniziato a lavorare a 15 anni senza aver mai smesso.

Insomma chi, più di 40 anni fa, subito dopo la scuola media ha iniziato a lavorare oggi può andare in pensione a 57 anni e godersi il riposo e la meritata pensione 10 anni prima rispetto a chi deve attendere il pensionamento di vecchiaia.

Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
X
Configura Cookie