Aumenti in busta paga per 16 milioni di lavoratori con il taglio del cuneo fiscale

Dal 1 luglio arriva il taglio del cuneo fiscale che porterà aumenti in busta paga per 16 milioni di lavoratori. Vediamo come spetta.

aumenti busta paga

“Dal primo luglio sarà effettivo il taglio del cuneo fiscale che interesserà 16 milioni di lavoratori. Significa più soldi in busta paga, con aumenti fino a 100 euro al mese. Non sarà la rivoluzione, ma è sicuramente un importante passo avanti. Il prossimo dovrà essere una grande e ambiziosa riforma fiscale che dovrà interessare tutti, perché il tema delle tasse esiste e va affrontato con coraggio. È l’unica strada da intraprendere per sostenere famiglie, lavoratori e imprenditori.”. Anche il leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio, commenta l’inizio del taglio del cuneo fiscale.

Aumenti in busta paga

Ricordiamo, infatti, che dal 1 luglio il bonus Renzi in busta paga si trasforma in taglio del cuneo fiscale portando aumenti nelle buste paga di moltissimi lavoratori.

Chi interesserà il taglio del cuneo fiscale? Il bonus sarà riconosciuto ai lavoratori con reddito compreso tra 8200 e 40 mila euro nel seguente modo:

  • per redditi compresi tra 8200 e 28mila euro il bonus spettante sarà di 100 euro (per redditi da 26.600 e 28mila l’aumento sarà di 100 euro netti visto che fino ad ora non percepivano bonus 80 euro in busta paga)
  • per redditi da 28mila e 35mila euro spetterà un bonus di 80 euro mensili
  • per redditi da 35mila e 40mila il bonus spettante sarà ridotto progressivamente da 80 a 0 euro al crescere del reddito (80 euro per redditi da 35mila euro, nessun bonus per redditi superiori ai 40mila euro).