Bonus extra in busta paga, quando e per chi?

Luca
Scopri il bonus busta paga per i dipendenti pubblici. Approfondisci le misure del decreto superbonus che offre vantaggi significativi ai lavoratori.
bonus busta paga

Il recente decreto superbonus, che ha detto definitivamente stop alla cessione del credito e allo sconto in fattura salvo che per il sismabonus, porta anche un vantaggio significativo per alcuni dipendenti pubblici, in particolare quelli dell’Agenzia delle Entrate e dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Si tratta dei lavoratori che otterranno un bonus aggiuntivo direttamente nella busta paga, a riconoscimento del loro impegno nella messa in pratica del PNRR e della riforma fiscale.

Il decreto, approvato martedì scorso dal Consiglio dei Ministri e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 29 marzo 2024, prevede diverse misure, tra le quali spicca quella che riguarda l’aumento della componente variabile dei Fondi risorse per il personale non dirigenziale. Un aumento che serve a motivare il personale nell’affrontare le sfide organizzative e professionali richieste dall’attuazione della riforma fiscale, tiene conto anche del fatto che l’Agenzia delle Entrate attualmente è con persona non sufficiente a ricoprire tutte le mansioni.

Leggi anche Cancellate le cartelle più vecchie di 5 anni, ecco come funziona la nuova rottamazione delle cartelle esattoriali

Bonus extra in busta paga di quanto?

Con l’aumento dei fondi messi a disposizione, i dipendenti dell’Agenzia delle Entrate e dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli potranno contare su un aumento del loro trattamento economico accessorio. In pratica, riceveranno un premio extra annuo di circa 1.000 euro aggiunti alla busta paga.

Il decreto autorizza una copertura di 51 milioni di euro per il 2024 e per il 2025, ma allo stesso tempo va a ridurre il fondo destinato all’attuazione delle riforme fiscali. Questo aumento dei fondi comporterà un aumento del trattamento economico accessorio lordo del personale coinvolto di circa il 15%.

In base alla relazione tecnica allegata al provvedimento, la stima prevede che questo aumento si tradurrà in un premio annuo di circa 1.040 euro per i dipendenti delle Agenzie coinvolte, a riconoscimento dell’impegno profuso per l’attuazione delle riforme fiscali.

Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Configura Cookie