Bonus vacanze 2021: come richiederlo e come funziona. Proroga 2022

Come funziona il bonus vacanze 2021: l’erogazione, requisiti e a quanto ammonta. Le novità per il 2022
Bonus Vacanza

E’ possibile usufruire del bonus vacanze 2021 fino alla fine dell’anno. Al momento, non c’è stata alcuna proroga per il 2022, ma pare che la situazione possa cambiare con un’estensione fino al 30 giugno del prossimo anno. Chi ha richiesto il bonus vacanze entro il 31 dicembre 2020 può utilizzarlo anche nel 2021.

Bonus vacanze 2021: quanto e a chi spetta

Il bonus vacanze offre uno sconto fino a un massimo di 500 euro, utilizzabile per soggiornare nelle strutture del turismo in Italia: alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed and breakfast.

L’agevolazione si rivolge alle famiglie composte da uno o più membri, poterne fruire e con quale sconto dipende dal numero dei componenti e dall’ISEE.

I nuclei familiari che possono ottenere e sfruttare il bonus vacanze 2021 devono avere una dichiarazione ISEE inferiore ai 40.000 euro all’anno. Il voucher ha un valore di 500 euro se la famiglia è composta almeno da tre persone; 300 euro spettano alle famiglie composte da due persone; 150 euro sono destinati ai single.

Il bonus deve essere usato per pagare il conto presso la struttura turistica di cui si è usufruito. La somma spettante il nucleo familiare non obbliga allo spostamento di tutti i componenti, infatti, può essere utilizzato da una sola persona, anche se diversa dal richiedente. E’ necessario prenotarsi, anche perché non tutte le strutture del turismo accettano il bonus vacanze.

Richiesta ed erogazione del bonus vacanze 2021

Per richiedere il bonus vacanze basta accedere con lo SPID o la Carta d’Identità Elettronica al sito dell’Agenzia delle Entrate, dopo essersi assicurato di possedere un ISEE inferiore ai 40.000 euro.

L’80% del bonus viene erogato come sconto immediato sull’importo che il beneficiario deve pagare al fornitore del servizio turistico. Il restante 20% viene erogato come detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi ad essa relativa.

Pubblicità

La persona che utilizzerà il bonus dovrà corrispondere all’intestatario della fattura, scontrino o ricevuta fiscale rilasciata dalla struttura turistica, al fine di consentire al fruitore di portare in detrazione il 20%.

Proposta bonus vacanze 2022

Come già anticipato, il bonus vacanze potrebbe essere prorogato fino al 30 giugno 2022, ma con alcune variazioni. L’emendamento presentato dal ministero del Turismo, propone la riapertura dei termini per la presentazione della domanda, al momento si può usufruire solo dei bonus già erogati.

Lo stesso emendamento prevede di poter utilizzare il bonus anche per le agenzie di viaggi. Si parla anche di un’estensione del bonus al pedaggio per le autostrade. Inoltre, si vorrebbe eliminare il limite d’uso dell’agevolazione per un unico viaggio e in un’unica struttura turistica, destinando il contributo a più strutture o a diversi periodi dell’anno.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
0
Condivisioni
Potrebbe interessarti: