Decreto Agosto in Gazzetta Ufficiale: tutte le misure

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Agosto, vediamo le novità che conferma tra cassa integrazione, Naspi, reddito di emergenza, blocco licenziamenti e bonus.

decreto agosto

Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il 14 agosto, da ieri il Decreto Agosto è operativo. Vediamo le novità che contiene.

Tagli, proroghe, reddito di emergenza, cassa integrazione,  blocco licenziamenti, incentivi studenti universitari. Vediamo cosa prevede il decreto.

Decreto agosto, è ufficiale

Per quel che riguarda il reddito di emergenza  è ufficiale la proroga per un ulteriore mese previa presentazione di apposita domanda all’INPS entro il 15 ottobre. I requisiti di accesso rimangono invariati.

Il blocco dei licenziamenti è stato esteso fino alla fine dell’anno per i datori di lavoro che non hanno usufruito della cassa integrazione. Restano esclusi dal blocco i licenziamenti per motivi di cessazione attività o per fallimento aziendale.

Estesa la cassa integrazione per altre 18 settimane: mentre le prime 9 settimane sono interamente a carico dello Stato le seconde 9 sono gratuite solo per chi ha subito una perdita di almeno il 20% nei primi 6 mesi del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019.

Per le aziende che non fruiranno della nuova CIG è riconosciuto l’esonero totale dal versamento dei contributi per un totale di massimo 4 mesi fruibili fino a  fine anno.

Proroga Naspi di altri 2 mesi per le indennità in scadenza tra il 1 maggio ed il 30 giugno 2020: nel decreto si legge: “1. Le prestazioni previste dagli articoli 1 e 15 del decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22, il cui periodo di fruizione termini nel periodo compreso tra il 1°maggio 2020 e il 30 giugno 2020, sono prorogate per ulteriori due mesi a decorrere dal giorno di scadenza, alle medesime condizioni di cui all’articolo 92 decreto-legge 19 maggio 2020 n. 34, convertito con modificazioni dalla legge 17 luglio 2020, n. 77. ”

Bonus 600 e 1000 euro destinati a professionisti iscritti alla casse previdenziali private, agli sportivi ai lavoratori stagionali e a quelli del turismo.

I sussidi per gli studenti fuori sede verranno erogati agli studenti che sono stati lontani da casa per almeno 4 mesi (e non 10 come previsto normalmente).