Pensione anticipata a 58, 61 e 65 anni di età: le strade in base ai contributi

Vediamo quali sono le possibilità di poter accedere ad una pensione anticipata per chi oggi ha 58, 61 e 65 anni di età.
pensione: la quattordicesima

Accedere alla pensione anticipata non sempre è semplice visto che ci sono misure che richiedono solo un requisito contributivo ed altre che, al contributivo, affiancano anche un requisito anagrafico. Nel 2021 le misure che permettono l’accesso al pensionamento rimangono invariate rispetto all’anno appena concluso. Vediamo le possibilità per tre nostri lettori che ci interpellano al riguardo.

Pensione a 58 anni

Buongiorno, sono una dipendente della scuola, ho 58 anni compiuti lo scorso dicembre ed ho invalidità riconosciuta al 90%. Posso accedere alla pensione per le donne invalide all’80% minimo, visto che ho raggiunto anche l’età richiesta e che ho versato 36 anni di contributi?

La pensione di vecchiaia anticipata per lavoratori invalidi è una misura che riguarda solo ed esclusivamente i dipendenti del settore privato. Essendo lei una dipendente del pubblico impiego, purtroppo, non può accedere a questo tipo di pensionamento.

Ma avendo compiuto i 58 anni a dicembre e avendo maturato 36 anni di contributi ha raggiunto entro il 31 dicembre 2020 i requisiti di accesso all’opzione donna e potrebbe presentare domanda di cessazione dal servizio entro il 28 febbraio per accedere al pensionamento già del 1 settembre 2021.

Da tenere conto che l’opzione donna prevede una forte penalizzazione sull’assegno previdenziale spettante (si parla anche del 30% in meno) ma anticipando la pensione di un cospicuo numero di anni riuscirebbe anche ad ammortizzare la decurtazione.

Pensione a 61 anni

Ho compiuto 61 anni lo scorso 28 ottobre ed ho maturato quasi 39 anni di contributi. A vostro avviso riesco a pensionarmi con la quota 100 tenendo conto che la finestra di uscita (io sono dipendente privato) fa slittare la pensione nel 2022 oltre la scadenza della quota 100?

La quota 100 è aperta a tutti coloro che raggiungono i 38 anni di contributi e compiono i 62 anni entro il 31 dicembre 2021. Raggiungendo nel suo caso entrambi i requisiti entro la fine dell’anno corrente e prima della scadenza della quota 100, anche se la finestra d’attesa fa slittare la decorrenza della pensione (la decorrenza ma non il diritto che è stato raggiunto a ottobre con il compimento dei 62 anni) nel 2022 ha pienamente diritto a pensionarsi con questa misura.

Pensione a 65 anni

Buongiorno, compio nel corso del 2021 i 65 anni e qualche mese fa sono stata certificata invalida al 75%. Avendo maturato 41 anni e 6 mesi di contributi, secondo voi, è più conveniente accedere alla pensione ape sociale o alla pensione anticipata continuando a lavorare qualche mese?

A livello di tempo le conviene l’Ape sociale alla quale riesce ad accedere prima. A livello economico, invece, le conviene accedere alla pensione anticipata visto che viene corrisposta per 13 mensilità l’anno (l’Ape sociale solo per 12 mensilità). Inoltre se accedere alla pensione anticipata non dovrà fare più nulla a livello previdenziale mentre richiedendo oggi l’Ape sociale al compimento dei 67 anni dovrebbe presentare domanda per accedere alla pensione di vecchiaia.

Inoltre, l’iter burocratico dell’Ape sociale (richiesta del riconoscimento del beneficio e successiva presentazione della domanda di pensione) le fa rischiare, in ogni caso di arrivare a ridosso del diritto alla pensione anticipata.

Per dubbi e domande è possibile scrivere a: info@pensioniefisco.it
I nostri esperti provvederanno a dare una risposta al tuo quesito in base all’originalità.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
6
Shares
Potrebbe interessarti: