Pensione con 12 anni di contributi, quando conviene attendere i 71 anni?

In alcuni casi è meglio attendere i 71 anni senza fare nulla per avere la pensione di vecchiaia contributiva.
pensione di vecchiaia contributiva

In alcuni casi non conviene fare nulla in presenza di pochi contributi versati ed attendere il trascorrere del tempo per prendere quel poco di pensione che spetterà al compimento dei 71 anni di età.

Buongiorno  ho 66 e solo 12 anni di contributi versati dal 1996 in poi. Mi conviene riscattare la Laurea o usufruire della pace contributiva?  

Pensione con 12 anni di contributi

Nel suo caso, a mio avviso, pur riscattando la laurea o pur ricorrendo alla pace contributiva, non arriva ad avere diritto alla pensione a 67 anni. Le spiego. Pur riscattando la laurea (che può essere di un massimo di 5 anni, a secondo della durata del corso legale di studi) arriverebbe a 17 anni di contributi che non le darebbero diritto alla pensione a 67 anni e, anzi, se gli anni che riscatta si collocano prima del 1996 rischia di perdere anche il diritto a ricevere la pensione al compimento dei 71 anni (che spetta solo in assenza di contributi prima del 1996).

Se opta per la pace contributi, anche in questo caso, può raggranellare un massimo di 5 anni di contributi che non le permettono di raggiungere i 20 anni di contributi necessari per avere diritto alla pensione a 67 anni.

Proprio per questo motivo se non ha contribuzione versata prima del 1996 il mio consiglio è quello di non fare assolutamente nulla e di attendere il compimento dei 71 anni e solo allora presentare domanda di pensione di vecchiaia: le sarà riconosciuta la pensione di vecchiaia contributiva (di importo molto basso suppongo).

Per dubbi e domande è possibile scrivere a: info@pensioniefisco.it
I nostri esperti provvederanno a dare una risposta al tuo quesito in base all’originalità.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
0
Shares
Potrebbe interessarti: