Pensioni anticipate 2024, ecco quando un anno di lavoro vale 18 mesi

mazzarella
Ecco come i contributi versati prima dei 18 anni di età possono garantire una pensione anticipata.
pensione

Una possibilità da non sottovalutare per poter sfruttare il pensionamento è quella che riguarda alcuni lavoratori che possono godere di una sorta di bonus contributivo. Infatti c’è chi può far valere di più i propri contributi. Ed anche se non saranno validi per prendere una pensione più elevata come importo, saranno utili per prendere prima il trattamento.

Pensioni anticipate 2024, ecco quando un anno di lavoro vale 18 mesi

Ci sono periodi di contribuzione che possono valere di più rispetto al solito. Può sembrare strano che un anno di contribuzione possa valere di più e addirittura arrivare a 18 mesi di contributi, ma questo è ciò che permette la normativa. I versamenti di contributi e quindi i periodi di lavoro prima della maggiore età effettivamente valgono 1,5 volte. Naturalmente parliamo di una maggiorazione contributiva che non vale per tutti ma solo per alcuni lavoratori. Ma effettivamente c’è chi per andare in pensione può raggiungere i requisiti minimi previsti facendo valere questa maggiorazione. E quindi tutti i periodi di lavoro con contributi versati prima di aver compiuto 18 anni valgono 1,5 volte.

Come funziona le maggiorazione contributiva sotto i 18 anni di età

In altri termini, versare 6 mesi di contributi prima dei 18 anni vale 9 mesi. Chi invece ha lavorato un anno intero prima della maggiore età, ha diritto a 18 mesi di contributi. Ripetiamo, parliamo di 18 mesi validi per il diritto ad una pensione e non per il calcolo. Perché chi si trova per esempio con 19 anni e 6 mesi di contributi versati, se ha lavorato 12 mesi prima dei 18 anni, arriverà a 20 anni di contributi grazie alla maggiorazione. Ma la sua pensione verrà calcolata su 19 anni e 6 mesi di contributi e non su 20. Questo aiuto al completamento della carriera però vale solo per i contributivi puri. Cioè per chi ha iniziato a versare dopo il 1995. Quindi, chi si trova in questa condizione potrebbe avere diritto al trattamento sfruttando questa maggiorazione. Basta anche un solo contributo versato prima del 1996 e il diritto a questa agevolazione contributiva non si materializza.

Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
X
Configura Cookie