Pensioni più basse, continuano i conguagli INPS anche ad aprile

Importo della pensione più basso ad aprile per alcuni pensionati: vediamo da cosa dipende.
Pensione di vecchiaia

Continuano i conguagli dell’INPS sulle pensioni che, in alcuni casi, subiranno variazione anche nel mese di aprile visto che sommano alle trattenute IRPEF anche le addizionali comunali e regionali del 2020. Da sottolineare, però , che queste variazioni non riguardano tutti i pensionati.

Pensione più bassa

I conguagli sono iniziati dalla pensione di febbraio, così come conferma anche l’Istituto: i conguagli negativi del 2020 sulle pensioni d’oro, infatti, proseguono per 4 mesi, da febbraio a maggio mesi in cui i pensionati vedranno l’importo del loro assegno ridotto.

Ad aprile, inoltre, c’è anche la tarza rata di coloro cui il conguaglio IRPEF ha prodotto un debito superiore a 100 euro che si vedono decurtare, da febbraio a novembre, un decimo del dovuto sull’importo mensile della pensione.

A tutto questo, poi, si aggiunge anche l’addizionale comunale e regionale che porta un ulteriore taglio sull’assegno.

Come dicevamo in apertura, però,  i tagli non riguardano indistintamente tutti i pensionati ma solo una parte di essi. Come sapere se anche la tua pensione ha subito una decurtazione? Basta consultare il cedolino della pensione online nell’area riservata del sito dell’INPS accedendo con le proprie credenziali (Che ricordiamo essere PIN INPS, SPID, Carta Nazionale dei Servizi e Carta di identità elettronica).

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
2
Shares
Potrebbe interessarti: