Prima casa giovani sotto i 36 anni: come funzionano gli aiuti

Come funziona l’aiuto che il decreto Sistegni ha previsto per le giovani coppie.
Mutuo Prima Casa Giovani: la domanda

In attesa che tutto venga messo nero su bianco nel testo definitivo del decreto Sostegni bis, il CDM ne approva i punti cardine, compreso l’aiuto per i giovani che vogliono comprare casa. Un aiuto ai giovani che vogliono comperare casa e ai quali lo stato darà garanzia sul mutuo, ma non solo. Ecco come funzionerà il tutto. 

Sostegno in arrivo per le giovani coppie

L’aiuto per l’acquisto della prima casa è ufficialmente un provvedimento che il Consiglio dei Ministri ha avallato nel decreto Sostegni bis. Infatti il CDM ha dato l’ok al decreto Sostegni, il contenitore di misure emergenziali con cui l’esecutivo Draghi cerca di dare ossigeno all’economia messa in ginocchio dalla pandemia. Nello specifico l’aiuto consiste in una garanzia dello Stato a copertura del mutuo per giovani che acquistano la prima casa. Una garanzia a copertura dell’80% del mutuo. 


Domande entro il 30 giugno

Giovani sotto i 36 anni e senza un lavoro stabile, ovvero a tempo determinato o da lavoratore autonomo, questo il profilo dei beneficiari dell’aiuto.Aiuto molto importante perché la platea di soggetti prima citati non avrebbero che pochissime possibilità di andare ad ottenere l’ok ad un mutuo senza la garanzia offerta dallo Stato.
Questi soggetti quindi, potranno accedere al Fondo di garanzia per la prima casa ottenendo una garanzia fino all’80%. E sembra he entro il 30 giugno gli interessati dovranno presentare

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
0
Shares
Potrebbe interessarti: