Quando una legge non è più in vigore?

Come sappiamo le leggi possono durare anche in eterno nel caso in cui nessuna norma intervenga a cancellarle, ecco in che modo è dunque possibile far cancellare una legge
quota 41 per tutti disegno di legge

Come sappiamo le leggi possono durare anche in eterno nel caso in cui nessuna norma intervenga a cancellarle, una legge che possa dimostrare la cosa è senza dubbio la legge sul canone RAI (se ti interessa sapere come non pagarlo consulta l’articolo: Come risparmiare 90 euro sulla bolletta della luce non pagando il canone RAI e continuando a guardare i canali di Stato).

Ma quindi una legge effettivamente può smettere di essere in vigore?

Modifica della legge

Iniziamo con il dire che una legge può essere modificata solo da una legge con stesso rango o superiore (quindi una legge può essere modificata da leggi costituzionali, parlamentare, decreto legge o decreto legislativo ma non può essere modificata da una legge regionale).

La modifica può essere di due tipi, tacita o esplicita. È tacita quando una nuova legge è in contrasto con essa, si applicherà dunque quella più recente. È esplicita quando nella legge successiva viene chiaramente scritto “è modificata la legge n.”.

Abrogazione che cos’è?

Fino a ora abbiamo parlato delle modifiche e dei due tipi di modifiche, tuttavia con l’abrogazione la legge non viene modificata ma cancellata facendo tuttavia restare gli effetti già prodotti non avendo effetto retroattivo.

Anche l’abrogazione, come per la modifica, può essere applicata solo da una legge di rango superiore o pari e, quindi, un organo sottostante alla legge non può applicare l’abrogazione di una legge.

Come per le modifiche l’abrogazione può essere sia esplicita che tacita: è esplicita quando la norma dichiara che con l’approvazione di essa si passerà alla cancellazione della legge precedente. È invece tacita quando le due leggi andando in contrasto sono incompatibile rendendo così la vecchia legge effettivamente inutile con l’approvazione della nuova per cui, quindi, non possono coesistere.

Ma quindi, quando una legge decade?

Dunque come abbiamo spiegato fino a ora una legge cade nel momento in una nuova legge porta alla modifica o all’abrogazione della legge precedente che sia in modo esplicito o tacito.

Tuttavia esiste un altro modo per far cadere una legge, ovvero facendola eliminare dal referendum abrogativo dove tuttavia l’abrogazione sarà sempre espressa esplicitamente.

Oltre a queste ipotesi è importante menzionare anche le leggi a termine, ovvero quelle leggi che hanno una vera e propria scadenza, ad esempio il decreto legge che se non viene convertito a legge dal Parlamento ha una durata massima di non più di 60 giorni.

Infine esiste un ultimo modo per rendere una legge nulla, ed è per mano della Corte Costituzionale che, nel momento in cui dichiara una legge incostituzionale essa verrà eliminata con effetto retroattivo, quindi, come se non fosse mai esistita.

Se ti è piaciuta la lettura di questo articolo, ti consigliamo di leggere anche: Ecco come lo Stato utilizza i soldi delle tasse!

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
9
Shares