Reddito di cittadinanza, l’importo si può suddividere su più carte

Il reddito di cittadinanza può essere suddiviso tra tutti i componenti del nucleo familiare maggiorenni che potranno avere ognuno la sua card.
Reddito di cittadinanza 2022

Attualmente il reddito di cittadinanza è erogato al solo richiedente sulla carta RDC attribuita dopo la richiesta. Ma il decreto del Ministero del Lavoro del 30 aprile 2021 prevede l’applicazione dell’articolo 5, comma 6 del DL 4/2019 con il quale si prevede la suddivisione pro quota del reddito di cittadinanza ai componenti maggiorenni del nucleo familiare.

Vediamo di cosa si tratta.

Reddito di cittadinanza personale

In vigore dal 1 giugno 2021 con la novità sarà possibile erogare il sussidio suddividendolo in parti uguali a tutti componenti del nucleo familiare successivi al richiedente, ognuno su una propria card RDC.

L’eventuale contributo affitto, in ogni caso sarà attribuita solo al richiedente e beneficiario del RDC (che deve essere intestatario anche del contratto di affitto).

Ma come funzionerà la divisione dell’importo pro quota? Facciamo l’esempio di un nucleo familiare composto da 3 adulti e un minore con importo del reddito di cittadinanza pari a 900 euro e con contributo affitto di 280 euro (totale erogato mensilmente 1180 euro)

A domanda di uno dei componenti l’importo può essere diviso in 3 parti uguali: 300 euro ad ognuno dei componenti maggiorenni. Il titolare del RDC, in ogni caso, riceverà mensilmente 580 euro (300 della pro quota spettante più i 280 euro del contributo affitto).

La domanda della suddivisione può essere presentata da uno qualsiasi dei componenti maggiorenni del nucleo familiare e comporterà il rilascio di tante card RDC quanti sono i membri maggiorenni del nucleo. Unica condizione per la suddivisione è che l’importo della prima quota spettante di RDC sia maggiore a 200 euro mensili nel mese in cui si presenta la domanda di suddivisione.

Quale vantaggio? Con la suddivisione del reddito di cittadinanza su più carte il prelievo dei contanti sarà maggiore: possibile prelevare 100 euro mensili per ogni card, ma se i componenti del nucleo familiare maggiorenni sono più di due il limite di prelievo si abbassa a 80 euro mensili per ogni card.

Per presentare la domanda di suddivisione dell’importo è, però, necessario attendere che l’INPS metta a disposizione l’apposito modulo con relative istruzioni.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
12
Shares
Potrebbe interessarti: