Assegno ordinario di invalidità, perchè non mi spetta?

Per l’assegno ordinario di invalidità non serve il 74% di invalidità ma occorrono almeno 3 anni di contributi negli ultimi 5 anni.
maggiorazione contributiva invalidi

Attenzione a non confondere la pensione di invalidità civile con l’assegno ordinario di invalidità, sono due prestazioni diverse, una assistenziale e l’altra previdenziale.

Rispondiamo ad un nostro lettore che ci scrive:

Gentili Signori, l’INPS mi ha riconosciuto un’invalidità’ al 70% ed avendo 33 anni e 8 mesi  di contribuzione, non riesco a capire perché non percepisco l’assegno d’invalidità. Il patronato mi ha detto che per poterlo percepire devo avere l’invalidità  almeno al 74%. E’ vero?Sperando che questa volta riesca ad avere la risposta, saluto cordialmente. 

Assegno ordinario di invalidità o pensione di invalidità civile?

L’assegno ordinario di invalidità spetta con una invalidità riconosciuta del 67% ma solo ai lavoratori del settore privato e a quelli autonomi. Non spetta, invece, ai lavoratori del pubblico impiego.

Per avere diritto all’assegno ordinario di invalidità, poi, è necessario avere almeno 3 anni di contributi versati nei 5 anni che precedono la domanda, in mancanza di questi contributi l’AOI non spetta.

La prestazione, invece, che spetta con il 74% minimo di invalidità è la pensione di invalidità civile riconosciuta indipendentemente dai contributi versati e che richiede il rispetto di soglie reddituali imposte.

Di fatto l’INPS le ha detto che non ha i requisiti per la pensione di invalidità civile (che richiede almeno il 74% di invalidità) ma per l’assegno ordinario basta il 67% ma servono anche i contributi versati negli ultimi 5 anni.

Per dubbi e domande è possibile scrivere a: info@pensioniefisco.it
I nostri esperti provvederanno a dare una risposta al tuo quesito in base all’originalità.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
0
Shares
Potrebbe interessarti: