Assegno ordinario di invalidità, può averne diritto anche il dipendente pubblico: ecco quando

L’assegno ordinario di invalidità può spettare, in alcuni casi, anche al dipendente statale: ecco i requisiti richiesti per la domanda.
Invalidità civile

Anche se l’assegno ordinario di invalidità è riservato a dipendenti del settore privato e lavoratori autonomi, in alcuni casi anche il dipendente pubblico può averne diritto. Ma attenzione ai requisiti.

Assegno ordinario invalidità dipendente pubblico

Il dipendente pubblico non è escluso dalla misura in quanto dipendente della pubblica amministrazione, ma perchè i suoi contributi sono versati in cassa Stato e non nel fondo dei lavoratori dipendenti del settore privato.

Questo significa che se un dipendente pubblico ha contributi versati come autonomo o come lavoratore dipendente del settore privato può presentare domanda per l’assegno ordinario di invalidità.

I requisiti per l’accesso sono sempre gli stessi e, nello specifico:

  • riduzione della capacità lavorativa a meno di un terzo (invalidità civile del 67% o superiore)
  • almeno 5 anni di contributi versati (in cassa dipendenti privati o come lavoratore autonomo)
  • almeno 3 anni di contributi versati nel quinquennio che precede la domanda (in cassa dipendenti settore privato o come autonomo)

Importante, quindi, per il lavoratore statale che vuole accedere all’assegno ordinario di invalidità possedere almeno 3 anni di contributi versati da autonomo o da privato nei 5 anni che precedono la domanda di AOI. Solo in questo caso un dipendente della pubblica amministrazione può aver diritto alla misura, nonostante sia impiegato come dipendente statale.

Leggi anche:

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
1
Shares
Potrebbe interessarti: