Assegno unico figli luglio 2021: procedura domanda semplificata

Assegno unico figli con validità dal 1° luglio al 31 dicembre 2021: a chi spetta, importi e domanda semplificata.
Assegno unico figli dal 1° luglio 2021

L’assegno unico per i figli parte il 1° luglio, con riferimento alla misura ponte valida fino al 31 dicembre 2021 e predisposta soprattutto ai lavoratori autonomi, ai titolari di partita IVA e ai disoccupati che non hanno mai potuto beneficiare di un assegno per i figli. La domanda per ottenere l’assegno ponte prevede una procedura semplificata, è quanto affermato dal presidente dell’INPS Pasquale Tridico.

Per prima cosa, c’è da sottolineare che chi presenterà la domanda per l’assegno ponte entro il 20 settembre 2021, riceverà anche gli arretrati a partire dal primo luglio. Per chi andrà oltre il predetto termine e comunque non oltre il 31 dicembre, riceverà solo le somme a cui ha diritto a partire dal mese di presentazione della richiesta.

Assegno unico figli: a chi spetta

I beneficiari dell’assegno unico per i figli devono essere contribuenti in Italia e residenti nel territorio nazionale da almeno 2 anni. Sono inclusi i cittadini italiani e UE ma anche chi possiede un permesso di soggiorno per lavoro o ricerca per almeno 6 mesi.

L’importo dell’assegno unico è determinato dalla soglia ISEE e dal numero di figli minori.

Con un ISEE fino a 7.000 euro l’importo dell’assegno parte da 168 euro per le famiglie con un figlio minore, a 335 euro in caso di due figli, 653 euro con tre figli, 871 euro per quattro figli, 1.179 euro per cinque o più figli.

L’assegno unico non spetta al nucleo familiare con un ISEE superiore a 50.000 euro. gli importi sono decrescenti al crescere dell’ISEE. Per ogni figlio disabile è prevista una maggiorazione di 50 euro.

L’assegno unico è cumulabile con i percettori di Reddito di Cittadinanza con figli minori, l’importo verrà erogato sulla medesima carta. Ovviamente, l’importo dell’assegno non sarà pieno, ma si procederà con una compensazione, ossia, il beneficio è determinato sottraendo dall’importo spettante dell’assegno la quota di Rdc riferibile ai figli minori.

La domanda

Per effettuare la richiesta di assegno unico per i figli valido dal 1° luglio al 31 dicembre 2021, sarà sufficiente fornire il codice fiscale e l’IBAN e scaricare la ricevuta.

La domanda può essere inoltrata tramite il portale dell’INPS accedendo con SPID di almeno livello 2 o con Carta d’Identità Elettronica oppure con Carta Nazionale dei Servizi.

In alternativa al portale web, è possibile richiedere l’assegno unico figli tramite il Contact Center integrato, chiamando al numero 803 164 da rete fissa gratuitamente o al numero 06 164 164 da cellulare al costo dell’operatore.

Infine, è possibile affidarsi ai Patronati mediante i servizi offerti gratuitamente.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
1
Shares
Potrebbe interessarti: