Aumento stipendio lavoro domestico, le vere cifre, le novità del Ministero

Il Ministero conferma gli aumenti di stipendio per i lavoratori domestici
salario minimo badante

Aumenti in busta paga in arrivo per colf e badanti. Lo ha stabilito il Ministero del Lavoro, anzi, lo ha confermato. E per i lavoratori gli aumenti previsti sono da gennaio. Chi non ha ricevuto gli aumenti a gennaio o a inizio febbraio quindi, riceverà gli aumenti in arretrato con le future mensilità. Ma aumento significa più soldi in busta paga. Ma di quanto sarà l’aumento?

Aumenti stipendiali badanti e colf, perché?

Quasi 20 euro al mese in più per la badante o la colf che prendono 1.000 euro di stipendio mensile. È ciò che accadrà ai salari di badanti, colf e collaboratori familiari in genere per via degli aumenti stipendiali. È stato il Ministero del Lavoro ad aver comunicato gli importi minimi da corrispondere per il lavoro domestico nel 2022.

Aumentano quindi le retribuzioni per il lavoro domestico, quello che interessa badanti, colf e baby sitter. L’inflazione registrata nel 2021 inciderà sui salari che dovrebbero essere saliti già a gennaio dell’1,9%.

Infatti nella nota del Ministero si legge che questi incrementi di stipendio derivano dall’aggiornamento annuale dell’indice dei prezzi al consumo, altrimenti detto inflazione, come calcolato annualmente dall’Istituto Nazionale dio Statistica (Istat).

Le vere cifre di aumento

Si va da un minimo di 664,09 euro al mese, per il lavoratore o la lavoratrice inquadrati al livello A, ad un massimo di 1.458,03 euro per chi invece è inquadrato nel livello DS. Secondo i dati di Assindatcolf , come riporta l’agenzia di stampa AGI, l’aumento effettivo dovrebbe essere del 2,88%, anche se sempre secondo i rappresentanti del settore, molte non troveranno niente di piùin busta paga perché percepiscono di più dei minimi salariali (ma dalle nostre segnalazioni non è esattamente così e il 60% delle lavoratrici che ci contattano prendono meno dei minimi tabellari del CCNL).

L’aumento per queste lavoratrici che operano entro i limiti del minimo stipendiale si sentirà eccome. Per chi è assunta per oltre 40 ore di lavoro settimanali infatti,

L’Associazione Nazionale dei Datori di Lavoro Domestico, organismo che ha partecipato a questo ennesimo aggiornamento dei minimi tabellari ha prodotto con una nota,i dati ufficiali fuoriusciti dal vertice al Ministero del Lavoro.

La paga oraria per chi lavora part time o solo per 10/15 ore a settimana (massimo 3 ore al giorno per 5 giorni, passa da 5,86 a 6,03 euro ad ora di lavoro. La colf che è assunta in regime di convivenza invece passa a 845,22 euro al mese rispetto agli 821,56 euro sempre mensili del 2021.

Le badanti, assunte a tempo pieno, in convivenza e in servizio come assistenti di persone non autosufficienti,  avranno aumenti di 30 euro al mese. Infatti chi è assunta nel livello CS, con 54 ore di lavoro a settimana (sono la stragrande maggioranza), passano da 997,61 a 1026,34 euro al mese.

Per chi assiste persone autosufficienti, badanti o baby sitter per esempio, si passa da  880,24 a 905,59 euro al mese. Parliamo di chi è assunta al livello BS.

Total
16
Shares