Azzerati i debiti e le cartelle esattoriali per tutti da gennaio 2023

Mario nava
condono cartelle

Le cartelle esattoriali diventeranno un ricordo per gli italiani con un condono. Sarebbe questo ciò che il governo sta pensando di fare. E colpo di spugna alle cartelle, con una soluzione che farebbe comodo a tutti i contribuenti. Ecco cosa bolle in pentola e perché si parla di azzerati i debiti e le cartelle esattoriali per tutti da gennaio 2023.

Azzerate le cartelle esattoriali, ecco come

Cartelle esattoriali azzerate e cancellate da parte del governo Meloni. Si parla di cartelle fino a 3.000 euro che potrebbero davvero significare un ritorno alla vita per i contribuenti. Come accaduto qualche anno fa con le cartelle esattoriali dei contribuenti fino al 2010 di importo fino a 1.000 euro. Adesso potrebbe arrivare il condono di chiunque abbia cartelle fino a 3.000 euro. Tutto cancellato d’ufficio e senza adempimenti o domande da fare. E per cartelle da 3.000 euro si parla di singolo ruolo e non di cartelle cumulative.

Altre sanatorie anche per debiti più grossi

E se colpo di spugna deve essere, anche i grandi indebitati potranno tranne vantaggio. SI parla già di ridurre sanzioni e interessi, passando auna sanzione una tantum e forfettaria del 5%. Un lauto sconto per chi ha debiti di importo elevato. Su cui si potrebbe arrivare a pagamenti rateali e mensili fino a 120 rate. Ben 10 anni di rate con interessi ridotti o azzerati. In parole povere, un anno zero. E i contribuenti che oggi non possono fare impresa perché vessati dai debiti, che non possono comprare a rate attrezzature perché nelle liste nere e così via, potrebbero tornare a vivere.

Anche per le famiglie vantaggi non indifferenti

Ma se un imprenditore così potrebbe tornare attivo, lo stesso farebbero le famiglie. Già oggi sono colpite da aumenti di bollette, incremento dei carburanti e costo della vita in genere. Togliere dal groppone le cartelle esattoriali, mai come adesso sarebbe una soluzione determinante per alleggerire la situazione. Addio quindi a tasse e tributi precedentemente evasi per colpa della crisi economica. Azzeramento delle multe del Codice della Strada non pagate. Un condono in piena regola, nettamente differente da quello delle ultime rottamazioni delle cartelle o da provvedimenti particolari come il saldo e stralcio.

Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
X
Configura Cookie