Badanti o colf: livelli e stipendio con aumenti e arretrati, ecco le ultime tabelle in vigore

L’aumento di stipendio per le badanti è scattato da gennaio ed è nell’ordine di 10-15 euro in più, per chi non lo ha ricevuto, arretrati.
lavoro statali, rinnovo contratto

Ogni anno lo stipendio delle badanti e di ogni assistente familiare viene adeguato al tasso di inflazione. Lo determinano in sede Ministeriale, i datori di lavoro e i lavoratori, o meglio, le associazioni datoriali e i sindacati.

Dal primo gennaio sono entrate in vigore le nuove tabelle sui minimi retributivi e gli stipendi andavano adeguati alle nuove direttive. Per i lavoratori che non si sono visti adeguare gli stipendi, possibile ottenere gli arretrati proprio da gennaio 2021.

Le nuove tabelle 2021

Come dicevamo, sono le associazioni dei datori di lavoro e i sindacati ad accordarsi ogni anno per i nuovi minimi salariali. Lo fanno ogni anno come fosse una autentica commissione, le associazioni e i sindacati: FILCAMS CGIL, FISASCAT, CISL, UILTUCS, FEDERCOLF, FIDALDO, DOMINA.

Quest’anno l’aggiornamento anziché sopraggiungere a gennaio, è arrivato ad ottobre 2020 contestualmente al rinnovo del CCNL. Le tabelle nuove sono differenti a seconda del fatto che il lavoratore sia convivente o meno. Nello specifico per i conviventi abbiamo:

  • Livello A € 645,50
  • Livello AS € 762,88
  • Livello B € 821,56
  • Livello BS € 880,24
  • Livello C € 938,94
  • Livello CS € 997,61
  • Livello D € 1.173,65 più indennità € 173,55
  • Livello DS € 1.232,33 più indennità € 173,55

Per i non conviventi invece abbiamo:

  • Livello A € 4,69
  • Livello AS € 5,53
  • Livello B € 5,86
  • Livello BS € 6,22
  • Livello C € 6,57
  • Livello CS € 6,93
  • Livello D € 7,99
  • Livello DS € 8,33

Come si distinguono i livelli

Ogni livello indica precise mansioni e ruoli che il lavoratore domestico deve svolgere. Infatti ad ogni livello abbiamo determinate tipologie di collaboratore domestico (assistente familiare come nuova definizione introdotta dal nuovo CCNL). Nel dettaglio abbiamo:

  • Livello A:  Assistenti familiari, non addetti all’assistenza di persone, sprovvisti di esperienza professionale e sotto il diretto controllo del datore di lavoro;
  • Livello AS: Addetto che svolge esclusivamente mansioni di compagnia a persone adulte autosufficienti;
  • Livello B: Assistenti familiari che svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, nonché a livello esecutivo.
  • Livello BS:  Addetti che assistono persone autosufficienti, che svolgono con specifica competenza le proprie mansioni;
  • Livello C : Assistenti familiari in possesso di specifiche conoscenze di base e che pertanto, operano con totale autonomia e responsabilità;
  • Livello CS: Assistenti familiari (badanti) che svolgono assistenza a persone non autosufficienti  e che operano con totale autonomia e responsabilità;
  • Livello D: Assistenti familiari che ricoprono ruoli caratterizzati da responsabilità, autonomia decisionale e coordinamento;
  • Livello DS: Assistenti familiari che assistono  persone non autosufficienti, in possesso di qualifiche e competenze.
📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
85
Shares
Potrebbe interessarti: