Pensione badante: gli anni di lavoro part time come sono conteggiati?

Come vengono valutati, ai fini della pensione, gli anni di lavoro con contratto part time?

scatto di anzianità badante

Per chi ha svolto parte della sua carriera lavorativa con contratto di lavoro part time, la preoccupazione è quella di come saranno conteggiati ai fini della pensione gli anni di lavoro con orario ridotto rispetto al tempo pieno. La risposta non è univoca, visto che dipendente dal raggiungimento o meno del minimale contributivo raggiunto.

Pensione con lavoro part time

Rispondiamo ad una lettrice di Pensioniefisco.it che ci scrive:

Carissimi,
Grazie x il lavoro che svolgete per tenerci informati con le leggi che ancora non è molto regolarizzato nel riguardo del lavoro gravoso oppure no della badante quando si parla di una persona non autosufficiente; orari che non sono mai rispettati sapendo che la badante sta giorno e notte con il proprio assistito e non ha Mai orari!!! La badante è sempre all’opera 24 su 24 anche se nel contratto nazionale di lavoro c’è iscritto nero su bianco 8 ore, 10 oppure lavoro notturno. La famiglia di solito viene con questa risposta: sei ad un posto fisso quindi non ti devi lamentare, è il tuo lavoro!! Quale diritto? Quando mai si sono rispettati i lavoratori domestici, MAI!!
IO ho lavorato x ben 12 anni pieni per 2 persone all’ inizio e poi con uno dopo la morte del coniuge. È stato un lavoro altro che gravoso; pesantissimo. Uno allettato e quell’altro super energico che non riuscivo a stargli dietro. Il lavoro era dalle 7 di mattina alle 10 di notte e moltissime volte 2-3 volte x notte perché la signora si voleva alzare x andare al bagno e non mi fidavo del marito che poteva portarla da solo (perché sono caduti per ben 2 volte) e cosi dovevo scendere dal letto ed accompagnare la signora al bagno e molte volte senza fare nulla….tra’laltro. 
La mia domanda è la seguente:Per primi 5 anni ho avuto in queste condizioni 5 ore al dì con uno stipendio di 850 euro- 880euro/ mese.
Sono presi in considerazione questi anni come lavoro a norma intera  oppure parte time? Solo i ultimi 4 anni di lavoro sono stati presi con un orario giornaliero di 8 ore e (livello CS essendo stato x tutto il periodo dei 12 anni di lavoro nello stesso posto).
Mi potete delucidare per favore? Avrò per la pensione 12 anni pieni oppure solo gli anni con 8 ore al dì sono presi per intero??? Grazie!!Attendo una vostra risposta con l’ansia! 

E’ bene sottolineare che non sempre il lavoro part time comporta un allontamento della pensione: le settimane di lavoro svolte in part time, infatti, in alcuni casi vengono conteggiate come full time a patto che sia stato rispettato il minimale contributivo INPS per il lavoro dipendente: per il 2019, infatti, per vedersi riconoscere l’intero anno di contributi, anche se versati in part time, bastava una retribuzione di poco superiore ai 10670 euro annui (retribuzione di circa 205 euro ogni settimana di lavoro).

Se il reddito annuo, quindi, è superiore al minimale INPS, l’anno di contributi viene considerato per intero. Se, invece, è inferiore i cotributi vengono riproporzionati.

Nel suo caso, se la retribuzione mensile era di circa 850 euro dovrebbe rientrare nel minimale contributivo e vedersi riconoscere l’intero anno valido per il diritto alla pensione.

Attenzione però, se ai fini del diritto alla pensione tra full time e part time, rispettando il minimale INPS, non cambia, la differenza, poi, si nota sull’importo dell’assegno previdenziale: spetterà, infatti, un assegno di importo inferiore rispetto a quello che sarebbe spettato lavorando full time (diminuendo la retribuzione, infatti, diminuisce anche il valore dell’assegno).

Le ricordo, infine, che per maturare il diritto alla pensione di vecchiaia sono necessari, al compimento dei 67 anni di età, almeno 20 anni di contributi versati.

Per dubbi e domande è possibile scrivere a: [email protected]
I nostri esperti provvederanno a dare una risposta al tuo quesito in base all’originalità.