Pensione di reversibilità: quando spetta all’ex marito divorziato?

Vediamo quando l’ex coniuge divorziato ha diritto a richiedere la pensione di reversibilità.
pensione di reversibilità

Può il coniuge divorziato avere diritto alla pensione di reversibilità? Solo in alcuni, specifici casi, vediamo quali sono rispondendo ad un lettore di Pensioniefisco.it

Buon giorno, sono un divorziato, separato nel 2012 e divorziato nel 2018 condannato col divorzio, sono senza reddito, posso avere la pensione di reversibilità dalla mia ex moglie in quanto lavora?

Pensione di reversibilità al coniuge divorziato, quando?

Il coniuge divorziato può avere diritto alla pensione di reversibilità. E’ necessario, però, che sia titolare di assegno di mantenimento periodico (esclusi dalla possibilità, quindi, tutti i coniugi divorziati che non hanno assegno di mantenimento ma anche quelli che sono stati liquidati con un pagamento una tantum).

Non credo lei sia titolare di assegno di mantenimento, visto che parla di condanna con il divorzio. In ogni caso se la sua ex moglie la mantiene erogando assegno divorzile periodico ha diritto, in caso di decesso della stessa, a richiedere la pensione di reversibilità. Se non lo percepisce, invece, il diritto alla pensione ai superstiti non c’è.

Pubblicità

Per approfondire consiglio la lettura dell’articolo: Pensione di reversibilità all’ex coniuge divorziato

Per dubbi e domande è possibile scrivere a: info@pensioniefisco.it
I nostri esperti provvederanno a dare una risposta al tuo quesito in base all’originalità.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
3
Shares
Potrebbe interessarti: