Pensione invalidi civili: sospesa a chi non si presenta a visita di revisione

Attenzione, non presentarsi alla visita di revisione dell’invalidità porta alla sospensione della pensione di invalidità.
maggiorazione contributiva invalidi

Il messaggio INPS 1835 del 2021 rende noto che al cittadino che non si presenta alla visita di revisione per invalidità civile sarà sospesa la pensione dal primo giorno del mese successivo a quello di convocazione.

Pensione sospesa agli invalidi civili

Fino ad ora l’INPS non aveva sospeso le prestazioni agli invalidi che non si presentavano alla visita di revisione ma procedeva all’invio di invito. E soprattutto fino ad ora l’INPS inviava gli inviti tramite convocazione postale andando a reperire il domicilio dell’interessato all’anagrafe comunale.

Nei casi che l’invalido non si presentava alla revisione si procedeva alla revoca della prestazione, più lunga come iter ed in ogni caso Il cittadino  poteva giustificare l’assenza e sottoporsi, poi, all’accertamento sanitarioche, all’esito positivo dell’invalidità, continuava a fruire della prestazione, in caso di esito negativo, portava la revoca ad avere effetto sulla sospensione a partire dal primo giorno del mese successivo a quello dell’accertamento.

In caso, invece, che il cittadino non presentasse una giustificazione all’assenza la revoca aveva effetto a partire dal primo giorno del mese successivo a quello della prima data fissata per la visita. Ed in questo caso, quindi, l’INPS aveva erogato somme che non spettavano dovendole, poi recuperare.

Dal 6 maggio 2021, cambia tutto.

Per semplificare i suoi compiti l’INPS ha previsto la sospensione della pensione di invalidità già dal mese successivo a quello in cui il cittadino invalido non si presenta alla visita di revisione. La sospensione, quindi, opera anche se il cittadino ha una giustificazione ed è in via cautelativa per impedire, poi, che l’INPS debba andare a recuperare somme erogate indebitamente.

All’assenza alla visita di revisione, in ogni caso, la pensione è sospesa ma il cittadino dovrà presentare, entro 90 giorni una giustificazione all’assenza presso la struttura dell’INPS. Se lo fa si procederà a fissare nuova data per l’accertamento. Se il cittadino non si presenta alla seconda visita la sospensione del trattamento si trasforma in revoca così come, si procederà alla revoca nel caso che il cittadino non presenti una giustificazione o nel caso che non sia giudicata idonea.

Attenzione, quindi, a presentarsi alla visita di revisione dell’invalidità poiché in caso contrario dal primo giorno del mese successivo non si riceverà la pensione di invalidità di cui si è titolari.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
9
Shares
Potrebbe interessarti: