Rimborso cashback: concorre alla formazione del reddito ed è tassato?

Il rimborso che si riceve con il cashback concorre alla formazione del reddito ed è soggetto a tassazione?
Pagamento REM proroga Naspi 2021

Tutti pazzi per il cashback: la corsa al rimborso ha coinvolto giovani e meno giovani che stanno continuando a fare acquisti pagando con carte di credito e bancomat non solo per aggiudicarsi i 150 euro di rimborso semestrale ma anche per partecipare al super cashback che premia con 1500 euro i primi 100mila acquirenti che hanno effettuato transazioni.

Cashback e rimborso

Quello che, però, ci si chiede e se il rimborso in denaro derivante dal cashback concorra alla formazione di reddito o meno.

Introdotto dalla Legge di Bilancio 2020 all’articolo 1, comma 288 e reso operatovo dal successivo decreto del MEF numero 156 del 24 novembre 2020, il cashback è partiti in via sperimentale per il solo mese di dicembre e in via definitiva a partire dal 1 gennaio 2021.

Tranquillizziamo subito tutti coloro che stanno attendendo il rimborso del cashback natalizio e stanno concorrendo per il rimborso di giugno 2021: i rimborsi ottenuti con il cashback non concorrono alla formazione del reddito: i soldi ottenuti, quindi, non saranno oggetto di alcun tipo di tassazione così come previsto dalla legge numero 178 del 2020 all’articolo 1 , comma 1097.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
2
Shares
Potrebbe interessarti: