730 precompilato 2021: quali documenti portare al CAF

Ecco tutti i documenti necessari da portare al CAF per la compilazione e l’invio del 730 precompilato.
730/2021

Dal 10 maggio 2021 si apre l’accesso al 730 precompilato ma solo a partire dal 14 maggio sarà possibile modificare ed inviare la dichiarazione 730. Ricordiamo, infine, che la data ultima per l’invio del 730 al Fisco è fissata per il 30 settembre 2021.

Grazie al 730 precompilato il contribuente può decidere di preparare da solo la propria dichiarazione dei redditi ma la maggior parte dei lavoratori e dei pensionati prefersice affidarsi alle mani capaci dei CAF.

Ma quali sono i documenti che è necessario portare al CAF per redigere la propria dichiarazione reddituale?

730 precompilato: i documenti necessari

Per chi decide di avvalersi dell’ausilio del CAF per la compilazione del 730 è bene sapere che è necessario fornire al centro di assistenza fiscale una serie di documenti necessari per la compilazione del modello e anche per confermare la correttezza delle informazioni inserite in automatico dal Fisco.

I documenti che bisogna consegnare al CAF sono:

Innantitutto una delega che permetta all’operatore di accedere al modello 730 precompilato del contribuente ed il modello nel quale si esercita la scelta per la destinazione dell’8 per mille, del 5 per mille e del 2 per mille dell’IRPEF (il 730-1).

Poi è necessario fornire al CAF tutte la documentazione necessaria alla compilazione del modello 730 e alla verifica dei dati precompilati, ovvero:

  • tutte le CU 2021, ovvero le certificazioni uniche relative al periodo di imposta precedente rilasciate dai datori di lavoro e dagli enti previdenziali
  • eventuali ritenute d’acconto
  • Modello 730 2020 o modello Persone Fisiche 2020
  • certificazione di altri redditi (dividendi azionari, assegni di mantenimento dopo separazione o divorzio, redditi derivanti da diritto d’autore, vendita di terreni a seguito di lottizzazione, cessione di immobili acquistati da non più di 5 anni)
  • Variazione delle proprietà immobiliari
  • Immobili e locazioni (copia del contratto)
  • Acconti Irpef e cedolare versati a Giugno e Novembre
  • Se si vive in affitto copia del contratto di affitto
  • spese veterinarie,
  • contributi riscatto laurea per persone a carico,
  • spese per servizi di interpretariato di soggetti riconosciuti sordomuti,
  • erogazioni a favore di partiti politici, di società ed associazioni sportive dilettantistiche,
  • contributi a favore di società di mutuo soccorso, di associazioni di promozione sociale, onlus, istituzioni religiose, ecc.
  • contributi bonifica
  • spese sostenute dai genitori adottivi per le pratiche di adozione di minore straniero
  • bollettini di pagamento delle rette di asili nido
  • assicurazioni vita e infortuni
  • spese per l’assistenza alle persone non autosufficienti
  • spese per l’attività sportiva dei figli
  • Bonus verde
  • Cani guida per non vedenti
  • Contributi ed erogazioni liberali o per istituzioni religiose
  • Contributi per la previdenza integrativa
  • Contributi previdenziali
  • Ricevute che comprovino la spesa per studenti minorenni DSA
  • Spese funebri
  • Spese sostenute per i mezzi di accompagnamento per handicap
  • Immobili ristrutturati
  • Intermediazione immobiliare
  • Spese mediche e di assistenza specifica
  • Misure antisismiche
  • Bonus mobili
  • Mutui ipotecari
  • Bonus risparmio energetico
  • Spese scolastiche
  • Spese universitarie
  • Superbonus 110
  • Bonus vacanza già fruito.
📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
3
Shares
Potrebbe interessarti: