Addio reddito di cittadinanza per 400mila famiglie, ecco perchè

Circa 400mila famiglie rischiano di vedersi sospendere il reddito di cittadinanza, vediamo perchè.

Reddito di emergenza

Sono circa 400mila le famiglie che rischiano di perdere il diritto al reddito di cittadinanza se non si metteranno in regola con gli adempimenti obbligatori.

Cerchiamo di capire perchè si corre il rischio di perdere il sussidio e cosa fare per evitarlo.

Reddito di cittadinanza a rischio

Con l’emergenza sanitaria ed il lockdown, ovviamente, sono stati resi meno rigidi i controlli per i percettori del reddito di cittadinanza e si è sospeso, temporaneamente, quello di recarsi al centro per l’impiego.

Con il cessare del lockdown, però, tali obblighi sarebbero dovuti riprendere ma degli 820mila beneficiari del reddito di cittadinanza sono bel 400mila coloro che non si sono presentati al centro per l’impiego di competenza per essere presi in carico nella ricerca del nuovo lavoro.

Il Governo, però, adesso ha preso una decisione alquanto drastica, anche a causa del difficile reperimento delle coperture necessarie a far fronte a tutto: chi non si mette in regola con la presentazione al centro per l’impiego si vedrà sospendere il reddito di cittadinanza.

A far riflettere, in ogni caso, è che su 820mila aventi diritto soltanto 70mila ha trovato lavoro grazie ai navigator e ai centri per l’impiego: un numero troppo basso che non tocca neanche il 10% degli interessati.

Per non perdere, quindi, il diritto al reddito di cittadinanza è necessario mettersi in regola quanto prima, nella prossime settimane. L’obbligo di recarsi presso il centro per l’impiego, infatti, è scattato di nuovo a partire dallo scorso mese.