Assegno unico per i figli, un danno per i genitori non sposati

Assegno unico figli, potrebbero essere svantaggiati i genitori conviventi e non sposati ma anche quelli che hanno nonni pensionati conviventi.
asegno unico per i figli

L’assegno unico per i figli è ai nastri di partenza. Dal 1 luglio, infatti, verrà corrisposto con l’assegno ponte, a disoccupati ed autonomi, mentre dal 1 gennaio 2022 spetterà a tutte le famiglie con figli a carico, anche a quelle dei dipendenti. Ma diverse categorie non avranno alcun vantaggio dalla nuova misura, anzi…

Assegno Unico, serve Isee

Per gli assegni al nucleo familiare sono presi in considerazione solo i redditi del nucleo familiare ANF (composto nella maggior parte dei casi da mamma, papà e figli anche se in casa ci sono altri familiari conviventi) e nel caso dei genitori non sposati ma conviventi va inserito solo il reddito di uno dei due genitori.

In questo moto i genitori non sposati che convivono possono far calcolare l’anf solo su uno dei due redditi prodotti (se lavorano entrambi).

Con l’assegno unico, invece, il calcolo sarà effettuato sull’ISEE ed in molti casi questo sarà poco vantaggioso. Nel caso dei genitori conviventi e non sposati, infatti, nell’ISEE sarà inserito il reddito di entrambi (sono persone conviventi legate dall’affetto e da un figlio in comune, difficile poter affermare che vivono insieme solo per dividere le spese dell’affitto).

Ma lo stesso accadrà anche a coloro che hanno in casa nonni pensionati. Pensiamo alle famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese perchè magari hanno un solo stipendio che decidono di andare a vivere con i genitori di uno o dell’altro per risparmiare i soldi della casa: fino ad oggi i nonni non rientravano nel nucleo familiare ANF e le loro eventuali pensioni non erano considerate nel calcolo dell’assegno familiare.

Con l’assegno unico, invece, l’ISEE comprenderà anche tutti i familiari conviventi e non solo mamma e papà del bambino senza tenere in considerazione le condizioni economiche del nucleo familiare ristretto. In alcuni casi, quindi, coloro che hanno avuto diritto ad un ANF più alto potrebbe ora, vedersi decurtare l’importo dell’assegno proprio in virtù dell’ISEE.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
1
Shares
Potrebbe interessarti: