Aumenti di stipendio 2021: forze dell’ordine, polizia, docenti, ATA, medici e infermieri

Ecco per chi arriverà un aumento di stipendio con la legge di Bilancio 2021.

autocertificazione

La bozza della Legge di Bilancio 2021 stanzia risorse per aumentare gli stipendi di determinate categorie di lavoratori, quelli che alla luce dell’emergenza Coronavirus sono stati determinanti. Vediamo, quindi, chi potrebbe avere diritto all’aumento.

Aumenti stipendio 2021

Premettiamo fin da subito che la Legge di Bilancio 2021 deve ancora essere approvata e che, quindi, fino alla sua pubblicazione in GU le cose potrebbero cambiare.
Nella bozza gli stanziamenti degli aumenti ci sono. Vediamo, allora, chi potrebbero interessare se confermati.

Sono stati stanziati 400 milioni di euro per il rinnovo dei contratti della Pubblica amministrazione .

Un terzo degli stanziamenti dovrebbe riguarda gli aumenti di stipendio dei docenti e del personale ATA. A questo proposito l’ANIEF ha stimato che l’aumento dovrebbe essere di circa 1100 euro lordi l’anno, ovvero 40 o 50 euro netti in busta paga ogni mese.

Altra categoria che dovrebbe essere interessata dagli aumenti è quelli di medici ed infermieri. Per i medici in particolare la legge di Bilancio stanzia 500 milioni di euro per l’aumento del 27% dell’indennità di esclusiva con Sistema Sanitario Nazionale.

Per gli infermieri, invece, dovrebbe essere prevista un’indennità professionale specifica sempre grazie a fondi stanziati dalla Legge di Bilancio per 235 milioni di euro.

In attesa del rinnovo dei contratti anche polizia e forze dell’ordine anche se per questi ultimi ancora non è chiarissomo l’incremento che realmente ci sarà nella busta paga.

Per il Sindacato Autonomo Polizia lo stanziamento è insufficiente e non permetterà di adeguare sia gli stipendi che le indennità per servizi operativi.

Leggi anche: