Bollo auto 2021: a chi spettano esenzioni e agevolazioni

Esenzioni e agevolazioni per il bollo auto 2021 sono previste quasi in tutta Italia. Scopriamo quali sono.
Condono bollo auto 2021

Il bollo auto è un’imposta regionale e come tale, l’importo cambia a seconda delle regioni. Allo stesso modo, sono previste esenzioni e agevolazioni per il 2021, in attesa di un’auspicata cancellazione da parte di Mario Draghi. Ma a chi spettano e per quali modelli di automobili?

Bollo auto 2021: esenzioni e riduzioni per ciascuna Regione

Nella regione Lombardia, la tassa di possesso dell’autovettura non è dovuta se l’intestatario è un soggetto disabile o con a carico un familiare affetto da disabilità. Per le auto ecologiche, l’esenzione dal bollo auto è di 3 anni a condizione che venga rottamata un’auto inquinante per acquistarne una, seppur usata: Euro 5/6, bifuel o ibrida.

Il 50% dell’imposta sull’autovettura è dovuta per 5 anni con riferimento alle auto a doppia alimentazione immatricolate nel 2021. Il pagamento del bollo auto non è previsto per le vetture a idrogeno, storiche e per quelle con almeno 30 anni.

Nel Lazio, l’esenzione dal bollo auto è contemplata per le auto degli agenti diplomatici e consolari accreditati in Italia, per i veicoli destinati al trasporto di persone per cure mediche o chirurgiche. Inoltre, per le vetture dei Corpi armati dello Stato con targhe di riconoscimento e guidati da militari in divisa, per quelle del Capo dello Stato e del suo segretario generale. Riduzione prevista per le auto storiche o intestate ai disabili.

In Campania e in Sicilia, l’esenzione del bollo auto 2021 è prevista per i veicoli storici o immatricolati almeno 30 anni fa, per le auto intestate ai disabili, per quelle elettriche, solo a GPL o a metano. L’esenzione si applica anche per veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita e per esportazione temporanea extra-comunitaria.

In Veneto ed Emilia-Romagna, le esenzioni e riduzioni del bollo auto 2021 sono uguali a quelle applicate nelle regioni sopra indicate. Inoltre, sono esentati i soggetti con ridotte o impedite capacità motorie permanenti, i ciechi e i sordomuti, i portatori di handicap psichico o mentale grave per cui è stata riconosciuta l’indennità di accompagnamento, i soggetti con gravi limitazioni di deambulazione o amputati a più parti.

Nella regione Piemonte, l’esenzione del bollo auto scatta per le vetture intestate ai disabili con motore a benzina fino a 2.000 cc, per quelle diesel dotati di propulsore fino a 2.800 cc. Il trasferimento dell’esenzione del bollo auto da un veicolo a un altro è possibile solo in caso di radiazione, vendita o furto.

Fonte: businessonline.it

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
8
Shares
Potrebbe interessarti: