Bonus 2.400 euro l’anno da subito a queste famiglie, ecco come fare domanda

Luca
Un Bonus di 200 euro al mese da subito per le famiglie che si trovano in questa situazione, ecco a chi richiederlo.
indennità di accompagnamento
Cosa va e cosa invece non rientra nel modello 730 per quanto riguarda le prestazioni per gli invalidi erogate.

In un periodo di crisi profonda come quello che stiamo vivendo qualsiasi entrata ulteriore fa comodo alla famiglia.

E non bisogna neanche avere vergogna ad ammettere di essere in difficoltà economica. Con l’aumento dei prezzi dei beni alimentari, con l’aumento dei prezzi dei carburanti e con i rincari delle bollette dell’energia elettrica e del gas difficilmente si arriva a fine mese.

A tutto questo bisogna aggiungere la crisi lavorativa che rende le entrate dei nuclei familiari sempre più incerte. E proprio in quest’ottica l’idea di un bonus di 2.400 euro l’anno non può che essere accettata più che bene dai destinatari di questa misura.

Un nuovo aiuto dallo Stato

Si chiama assegno di cura ed ha un importo di 200 euro mensile. Ma a chi spetta questo nuovo bonus?  Premettiamo che non si tratta dell’una tantum tanto pubblicizzato e già riscosso da gran parte di dipendenti e pensionati. Ma di un vero e proprio Bonus di 200 euro regolare ed erogato ogni mese. 2.400 euro l’anno, quindi, che potrebbero essere un’entra fissa in più per il nucleo familiare.

Ma a chi è ricolto? Spetta a quelle famiglie che hanno nel nucleo un anziano oppure un soggetto che non è autosufficiente.  Lo scopo del Bonus di 2.400 euro l’anno, quindi, è quello di dostenere queste famiglie a tenere la persona non autosufficiente nel nucleo. Visto che in molti preferiscono affidarle alle RSA.

Bonus di 2.400 euro l’anno,a chi si richiede?

Non si tratta di un bonus messo a disposizione dal Governo, ma si tratta di soluzioni messe in pratica dalle Regioni. E questa, in particolare riguarda le Marche e la provincia autonoma di Trento. Ovviamente non solo in queste realtà ci sono aiuti per le persone che hanno un soggetto non autosufficiente in casa. E proprio per questo il nostro consiglio è sempre quello di verificare cosa prevede al riguardo la propria Regione di residenza.

Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
X
Configura Cookie