Canone Rai, per non pagarlo c’è tempo fino al 30 giugno

Entro il 30 giugno va presentata la domanda di esenzione per il pagamento del canone RAI valevole per il secondo semestre dell’anno.
Canone TV

Per presentare domanda di esenzione dal pagamento del canone RAI per il secondo semestre del 2021 c’è tempo fino al 30 giugno 2020. A poterla presentare sono tutti coloro che sono titolari di un’utenza elettrica che non hanno una TV in nessuna delle abitazioni di proprietà in cui l’energia elettrica è attivata.

Nel caso la domanda di esenzione non venisse presentata entro il 30 giugno, pur non possedendo una TV si sarà costretti a pagare, nella bolletta dell’energia elettrica, anche il canone RAI del secondo semestre 2021.

Si tratta, quindi, di una esenzione che permette di non pagare i 45 euro dovuti a titolo di canone RAI per il secondo semestre 2021.

La domanda di esenzione dal pagamento va inviata all’Agenzia delle Entrate:

  • nviando una lettera raccomandata senza busta, all’indirizzo: Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 – 10121 Torino. In questo caso si dovrà allegare anche un documento di riconoscimento in corso di validità;
  • con una Pec munita di firma digitale del richiedente e trasmessa alla Rai all’indirizzo: cp22.canonetv@postacertificata.rai.it.
  • Tramite intermediario abilitato
  • Sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

SI ricorda che per chi ha inviato la domanda di esenzione entro il 1 febbraio 201 non è necessario inviare la domanda del secondo semestre poichè quella inviata a inizio anno è valita per l’intera annualità.

La domanda per l’esenzione dal pagamento per coloro che non detengono un apparecchio televisivo, in ogni caso, va presentata ogni anno entro il 1 febbraio per non pagare l’intera annualità, o entro il 30 giugno, ma in questo caso l’esenzione sarà valida solo per il secondo semestre.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
2
Shares
Potrebbe interessarti: