Con l’assegno unico i figli dopo i 21 anni saranno ancora fiscalmente a carico?

Cosa accade al carico familiare dei figli con l’assegno unico dopo il compimento dei 21 anni?
Assegno unico figli dal 1° luglio 2021

L’assegno unico per i figli, con il fatto che ingloberà anche le detrazioni per i figli a carico sta creando non poca confusione. Cerchiamo di chiarire alcune cose rispondendo ad una lettrice che ci scrive:

Buongiorno, mio figlio che compirà 21 anni a ottobre /2021, andrà a vivere da solo da settembre/21, in un appartamento di mia proprietà’.E’ studente universitario e non ha reddito. Fino al dic 2021 sara’ fiscalmente a carico di mio marito, ma dal 2022, con l’entrata in vigore dell’assegno unico, non avremo piu’ diritto alle detrazioni fiscali, visto che con questa “bella” iniziativa, perderemo tutto. Infatti l’assegno unico è previsto fino ai 21 anni. Chiedo quindi: non essendo più’ fiscalmente a carico (se non abbiamo più’ diritto alle detrazione, è una conseguenza logica) può’ presentare ISEE per conto suo? E se si’, dal compimento dei 22 anni?

Assegno unico e figli a carico

E’ bene chiarire fin da subito che con l’assegno unico per i figli non si perde il carico familiare dei figli ma soltanto le detrazioni per i figli a carico che vengono assorbite dalla nuova misure ed integrate in essa.

I figli, quindi, sia di età inferiore ai 21 anni che di età superiore restano a carico fiscalmente dei genitori fino a quando non hanno un reddito proprio che supera i 4mila euro (dopo il compimento dei 24 anni con redditi superiore a 2840 euro).

Questo significa che i genitori che percepiscono l’assegno unico per i figli non potranno fruire delle detrazioni figli a carico ma potranno in ogni caso portare in detrazione dall’IRPEF le spese sostenute per i figli a carico (spese mediche, di istruzione, abbonamento, sport, università ecc…).

Dopo il compimento dei 21 anni, poi, quando il figlio esce dal diritto all’assegno unico familiare sarà possibile nuovamente per lo stesso fruire anche delle detrazioni familiari a carico.

Sbaglia, quindi, a dire che suo figlio al compimento dei 21 anni non sarà più a vostro carico poichè l’introduzione dell’assegno unico non cancella i carichi familiari. E pertanto, pur cambiando residenza e andando a vivere da solo suo figlio di 21 anni non avendo un reddito proprio viene attratto nell’ISEE familiare dei genitori.

Per dubbi e domande è possibile scrivere a: info@pensioniefisco.it
I nostri esperti provvederanno a dare una risposta al tuo quesito in base all’originalità.

📰 Segui Pensioni&Fisco su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando in alto la stellina
Total
1
Shares
Potrebbe interessarti: